Si chiama Christian Jessen e se molti italiani ignoravano il suo nome fino allo scorso 13 marzo ora c’è da scommettere che se lo ricordano bene. È il conduttore di Malattie Imbarazzanti UK e aveva affermato che gli italiani “utilizzano il Coronavirus per fare una lunga siesta“. Dichiarazioni che avevano scatenato un giustificato polverone e che avevano fatto andare su tutte le furie il virologo Roberto Burioni: “Non è il momento delle polemiche, ma quando un cretino insulta gravemente tutto un popolo che sta lottando per la propria vita, con oltre mille persone morte e altrettante in rianimazione, non si può tacere”, aveva scritto il medico su Facebook.

E ora sono arrivate le scuse di Jessen: “Per quanto riguarda i miei commenti sull’epidemia di coronavirus in tutto il mondo e la situazione dell’Italia: Ho sbagliato, lo ammetto. Ho cercato di sdrammatizzare il panico. Tuttavia, col senno di poi riconosco che la mia osservazione era insensibile e devo scusarmi per qualsiasi turbamento io abbia causato. Capisco perché sia stato offensivo e spero possiate perdonarmi. Come medico, il mio lavoro è essere onesto e cercare di portare luce nella vita delle persone. Vorrei assicurarvi che i miei pensieri sono rivolti a tutti coloro che sono colpiti dal virus e a coloro che stanno lavorando duramente per aiutare tutti a superare questo momento difficile. Infine, al momento non sto usando molto i social media, quindi tenete presente che forse non vedrò le vostre risposte. Ripeto che adesso non userò i social media perché sto lottando con la mia salute mentale e Twitter non è sempre il posto migliore dove trovarsi in tali circostanze. Tornerò quando starò meglio”. Scuse accettate? A giudicare dai commenti sotto al suo post non si direbbe: “Too little, too late”, scrivono in molti.

Regarding my comments about the worldwide coronavirus outbreak and its impact on Italy. Statement below and link: https://t.co/wb7ChfrUAH (1/2) pic.twitter.com/aOYuDuWArv

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Melissa Satta risponde alle critiche: “Cari signori non sono scappata dall’Italia. Sono bloccata in Turchia”. E poi a La Vita in Diretta: “Mio marito Boateng ha fatto il test”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, scrive sull’autocertificazione “devo fumare una canna”. Denunciato

next