Harry Weinstein, l’ex magnate di Hollywood condannato per stupro, è risultato positivo al test delcoronavirus e si trova in isolamento nel piccolo carcere dello Stato di New York dove è stato recentemente trasferito per scontare una condanna fino a 23 anni di prigione. Lo riferiscono diversi media americani, fra cui la Niagara gazette e Deadline. Michael Powers, presidente dell’associazione delle guardie carcerarie dello stato di new York (New York State Correctional Officers and Police Benevolent Association) ha confermato la notizia a Sky news.

Il 68enne Weinstein è stato trasferito la settimana scorsa dalla Wende Correctional Facility, un carcere di massima sicurezza dello stato di New York, dove sono rinchiusi 950 detenuti: è risultato positivo ieri mattina assieme ad un altro detenuto e diversi agenti di custodia sono stati posti in quarantena.

Autorità del carcere hanno detto alla Niagara Gazette che l’ex boss di Miramax era già positivo quando è entrato nel sistema penitenziario dello Stato di New York da Rikers Island, una prigione della città di New York. Wende è un centro di smistamento per detenuti che vengono poi spostati in altre strutture dopo esser stati sottoposti ad analisi mediche. Weinstein ha 68 anni e soffre di cuore. Dopo la condanna e prima di esser trasferito a Rikers era stato sottoposto a uno stent cardiaco.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Arisa si sfoga con Mara Venier: “Soffro la solitudine”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il tenore Placido Domingo positivo: “Sono in auto-isolamento”

next