L’ultima fake news sul Coronavirus rimbalza sulle chat di Whatsapp da giorni. Attraverso un audio, una signora ci tiene a spiegarci che l’assunzione di vitamina C è utile alla prevenzione e addirittura alla cura del Covid-19. Peccato che sia una bufala, l’ennesima. “La somministrazione di vitamina C sui pazienti affetti da Coronavirus è fondamentale e sta favorendo la guarigione. È auspicabile l’assunzione di vitamina C anche in bambini, adulti e anziani, nell’ordine di 1-2 grammi al giorno”, racconta la voce femminile, che chiede di divulgare il più possibile il messaggio. L’audio, di chat in chat, è diventato virale e nelle farmacie sono schizzate le vendite dei prodotti con vitamina C. “Smentisco nella maniera più assoluta. Nessuna vitamina C, nessuna terapia con integratori. In questo momento non esiste una profilassi efficace per il coronavirus”, ha fatto chiarezza all’Adnkronos Andrea Gori, il direttore Malattie infettive del Policlinico di Milano.

Tra coloro che hanno diffuso dell’audio c’è stata anche Belen Rodriguez, che sui social è seguita da più di 9 milioni di persone. La showgirl ha condiviso l’audio sul suo profilo Instagram accompagnato dal messaggio “Ascoltate”. “Da grandi poteri derivano grandi responsabilità. Se hai milioni di persone che ti seguono non ti devi permettere di postare ‘ad minchiam’ su vitamina C e altre cose false in questo momento”, l’ha attaccata Dario Bressanini, professore universitario e divulgatore scientifico, che è il proprietario di un canale Youtube con 400mila iscritti. Bressanini ha deciso di segnalare le stories della showgirl argentina: “Riguardo alla vitamina C, all’acqua e limone, alla papaya fermentata e a tutto il resto… io seguo questa regola e ci azzecco sempre: se la soluzione proposta è semplice, di solito è sbagliata. Un consiglio? Toglietevi dai gruppi dove condividono quelle porcherie sulla vitamina C. Si può vivere benissimo senza stare in quei gruppi Whatsapp”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Apple spiega come disinfettare efficacemente iPhone e iPad: ecco la guida ufficiale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in viaggio da Napoli a Zocca per vedere la casa di Vasco: cinque ragazzi denunciati

next