Io resto a casa“. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha definito il senso del nuovo decreto per contenere la diffusione del coronavirus, annunciato ieri sera in conferenza stampa e in vigore da oggi. Le misure annunciate l’8 marzo per la Lombardia e altre 14 provincie valgono ora per tutte le Regioni, con un’ulteriore stretta: si esce di casa solo se è necessario. Questo è il criterio per capire cosa si può e non si può fare, come precisa anche il sito della presidenza del Consiglio: si può andare dal ferramenta per una lampadina fulminata, ma si può rinunciare a comprare un nuovo profumo o una giacca. Nessuna limitazione all’attività fisica all’aperto: si può andare a correre o a passeggiare nei parchi, per esempio, purché non lo si faccia in gruppo. Da evitare invece le visite a parenti o amici: un conto è l’assistenza ad anziani e malati (tenendo ben presente che sono i più esposti al contagio, e quindi le tutele vanno raddoppiate) un altro discorso è prendere un caffé con gli amici o il pranzo della domenica in famiglia. “Siamo consapevoli di quanto sia difficile modificare le nostre abitudini. Ma purtroppo non c’è tempo. I numeri ci dicono di una crescita importante dei contagi, dei ricoveri in terapia intensiva e dei decessi”, ha spiegato.

In quali casi ci si può spostare? Vanno evitati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli “motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità”, “ovvero spostamenti per motivi di salute”. In questi casi, per spostarsi sarà necessario esibire ai controlli un’autocertificazione sui motivi, che verrà verificata: in caso di dichiarazioni false scattano le sanzioni. Il decreto prevede il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Posso andare al lavoro? Quando è possibile, si deve preferire la modalità di telelavoro o smartworking da casa. Ai datori di lavoro viene raccomandato di “promuovere la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi di congedo ordinario e di ferie”. Anche conferenze e meeting devono essere sostituite da conference call o chiamate a distanza.

Quando riapriranno le scuole? Le lezioni – in scuole e università – sono sospese fino al 3 aprile, con un incoraggiamento alla didattica a distanza.

Come comportarsi fuori casa? La regola d’oro è rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone, ovunque. Lavarsi spesso le mani e non toccarsi mai naso, occhi e bocca.

Posso prendere i mezzi? Il servizio di trasporto pubblico è al momento garantito, ma nell’ottica di evitare il più possibile gli spostamenti va usato solo quando necessario, rispettando le distanze tra le persone.

Posso prendere il taxi? Il servizio taxi e di noleggio con conducente non ha alcuna limitazione, dal momento che l’attività svolta è considerata esigenza lavorativa.

Posso andare a fare la spesa? Tra le ‘situazioni di necessità’ previste dal decreto rientra la spesa di generi alimentari, che potrà effettuare una persona per famiglia. Il rifornimento di merci, ha specificato Conte, sarà sempre garantito, perciò non c’è necessità di correre a “fare provviste” di notte, episodi che si sono verificati in diverse città dopo l’annuncio della nuova stretta. Le attività commerciali (salumerie, forni eccetera) restano aperti ma con ingressi “contingentati” per evitare affollamento, ma nel caso in cui ci siano “condizioni strutturali o organizzative” che non consentono il rispetto della distanza di sicurezza, le “strutture dovranno essere chiuse”. In ogni caso, i centri commerciali e gli ipermercati sono chiusi nel weekend.

Posso fare visita ad amici e parenti? La logica del decreto, specifica il vademecum, è di limitare gli spostamenti non necessari, quindi anche i pranzi in famiglia e le “visite per un caffé”. In modo particolare se si va a trovare una persona anziana, la categoria più fragile ed esposta al contagio: meglio una telefonata.

Posso andare al bar? Bar e ristoranti saranno aperti dalle 6 alle 18, con obbligo di garantire il rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro tra i clienti. In caso di violazione, scatta la sospensione dell’attività.

Posso andare in farmacia? Le farmacie sono aperte normalmente: vale, come per ogni altro luogo, la regola di non creare affollamenti in cassa o al banco. Per questo molti esercizi si sono organizzati limitando gli ingressi a due persone alla volta.

Possono circolare le merci? Non c’è nessuna limitazione al trasporto delle merci è considerato come un’esigenza lavorativa, gli autotrasportatori e i corrieri possono circolare.

Posso fare sport? Sono chiuse tutte le palestre, i centri sportivi, le piscine – anche quelle termali. Gli impianti sportivi sono utilizzabili “soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Coni e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali”. Gare ed eventi si disputeranno a porte chiuse, senza pubblico. Chi vuole praticare attività fisica all’aperto – andare a correre o a passeggiare in campagna o al parco – può farlo, purché non in gruppo.

Posso andare a sciare? Gli impianti sciistici sono chiusi in tutte le Regioni.

Posso andare al cinema? Sono chiusi tutti i luoghi di aggregazione come cinema, teatri, scuole di ballo, discoteche, sale giochi, sale scommesse e sale bingo. Chiusi anche i musei, le gallerie d’arte e i centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Posso andare al centro commerciale? Sì, ma solo nei giorni lavorativi, e facendo sempre attenzione a file e assembramenti. Nei giorni festivi e prefestivi sono chiuse anche le medie e grandi strutture di vendita, oltre ai negozi presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati.

Posso andare in chiesa? I luoghi di culto possono restare aperti solo se adottano le misure necessarie a distanziare i fedeli di almeno un metro tra loro. Sono sospese le messe e tutte le cerimonie civili e religiose, compresi matrimoni e funerali.

Posso portare fuori il cane? Il divieto di uscire di casa vale solo per le persone con sintomi o positive al coronavirus, che non devono violare la quarantena domiciliare per nessun motivo. Per tutti gli altri è permesso uscire, adottando le dovute precauzioni e limitando al massimo i contatti sociali.

Posso andare in Comune? Sono garantiti i servizi necessari e urgenti, ma l’invito è di usare i servizi digitali.

Posso fare l’esame della patente? Sono sospesi gli esami di idoneità negli uffici della motorizzazione civile. Il provvedimento dispone perciò la proroga delle scadenze dell’iscrizione e del foglio rosa.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – Superati i diecimila contagi, i morti sono 631. In terapia intensiva 877 persone. Ryanair ed Easyjet sospendono i voli

next