Roma, Napoli, ma anche Palermo e Pisa. Dopo l’annuncio del premier Giuseppe Conte di rendere tutta Italia “zona protetta”, in tutto il Paese è corsa ai supermercati, anche se, come specificato dal presidente del Consiglio, gli alimentari non chiuderanno. Centinaia di persone si sono riversate negli esercizi aperti h24, cercando, come raccontano “di comprare più roba possibile” per poi chiudersi in casa. Un comportamento subito stigmatizzato da Palazzo Chigi che lo ha definito “contrario alle norme del decreto”. Decine i video poi pubblicati sui social che testimoniano l’affollamento notturno.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, lavoratori in protesta fermano le consegne: “Rischiamo la pelle, ci manca tutto. Non ci sentiamo protetti”

next