Ve ne state a casa vero? Mi raccomando. Il nemico da battere qui è la curva dei contagi. Se è verticale e ha un picco in tempo molto ravvicinato manda in pappa le strutture sanitarie. Più si spande in orizzontale, invece, e meno andiamo sotto stress come sistema di cura. Mi informano intanto che stanno potenziando le rianimazioni. Bene. Diamoci e diamogli tempo. Ergo, a casa.

E tempo ci vorrà, ancora. Non finisce in due settimane. Dunque usiamolo bene:
primo stando a casa, riducendo al minimo le possibilità di contagio. Così aiutiamo la Sanità, che ci sta aiutando e che dobbiamo aiutare.
secondo cogliendo l’occasione di questa solitudine, di questa immobilità (che non doveva esserci) per pensare, leggere, scrivere, mandare email che dobbiamo mandare da tanto tempo e che non abbiamo mai scritto. Fabbricare cose con le mani. Studiare. Ascoltare musica. Suonare.
È quello che Marcel Proust avrebbe definito “Tempo ritrovato”, diverso dal “Tempo perduto”.

Serve pazienza e tempo. Mi segnalano questo articolo medici che lo definiscono ben fatto. Atteniamoci alle indicazioni, che sono giuste e servono allo scopo. Ma soprattutto cogliamo l’occasione di questo stop per immaginare oggi quello che avverrà domani.

#stateveneacasa
#fermatevi
#usateiltempoelasolitudine
#nonfateipirla
#iostoacasa

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Coronavirus fa entrare in tilt il Sistema: ormai tentare di ripararlo non ha più senso

next
Articolo Successivo

In Occidente abbiamo censurato la morte e ci siamo ridotti a fare la lista della spesa

next