La Cina si avvicina e a Pechino Express cadono di botto le maschere ed emergono prepotenti le strategie di chi è pronto a tutto pur di vincere. Dai “volemose bene” ai colpi bassi, il passo è breve e così la quarta puntata del docu-reality condotto da Costantino della Gherardesca – vista da 2 milioni di spettatori – fa emergere il lato più competitivo dei concorrenti. Compreso quello di Marco Mazzocchi, che prima fa l’amicone dei gemelli Inseparabili poi però gli dà la spallata – negandogli un passaggio – che li mette fuori gioco portandoli all’inevitabile eliminazione. Ecco il meglio e il peggio della serata.

La metamorfosi dei Gladiatori – «In amore e in guerra è tutto lecito», spiegava la somma filosofa Soleil Sorge appena sette giorni fa, autoassolvendosi per i suoi comportamenti antisportivi. Marco Mazzocchi sembra averla presa alla lettera e la combina grossa: promette agli Inseparabili un passaggio in macchina come ricompensa per averli aiutati a risolvere una prova, poi però invita il tassista a impedire ai due gemelli barbuti di salire. «Mi sento in colpa», ammette a fine puntata il giornalista sportivo, dando però una versione edulcorata di ciò che è successo. Peccato che la Var sveli il bluff del finto passaggio. Il gioco è fatto e Max Giusti a quel punto non può che sostenere la versione dell’amico. In sette giorni, i due «teneri» Gladiatori sono diventati delle iene. Ma se è un gioco e le strategie sono consentite, perché non giocare fino in fondo evitando inutili buonismi? Voto: 4

Fuori gli Inseparabili – Gli eterni ultimi di Pechino Express 8, i gemelli Valerio e Fabrizio Salvatori, sono caduti sotto i colpi della temibile busta nera. «Non capiscono niente, non sanno far funzionare un tablet», ironizza Costantino della Gherardesca. Più fanno, più sbagliano: faticano a scroccare passaggi, non ingranano mai la marcia, perdono tempo dietro le promesse dei Gladiatori ma arrivano sempre in fondo al podio ma senza mai rimostranze o scatti d’ira. Il paradosso è che escono dal gioco proprio nella puntata in cui hanno fatto meglio. Per vincere non basta essere i «ragazzi acqua e sapone della porta accanto», come si autodefiniscono. Li salva l’educazione. Voto: 6

La ferocia delle modelle – «Abbiamo sbagliato, dovevamo penalizzare le modelle», osserva astuto Enzo Miccio sorseggiando un cocktail dalla terrazza di un hotel da cui si vede tutta Bangkok. E mentre il wedding planner si gode la ricompensa, Dayane Mello ed Ema Kovac vanno a vincere la puntata, dopo aver assestato un paio di colpi bassi da fini strateghe. Come quando lasciano Nicole Rossi e Jennifer Poni fuori dalla porta della casa che le ospita per la notte. Le Collegiali attendono una risposta che però non arriverà mai e mentre loro sono in strada, le modelle sono comodamente in cucina a mangiare ravioli e udon. Peccato che poi neghino tutto dando al conduttore una versione falsata della verità. Sono così sfacciatamente strateghe che in confronto Soleil è un’innocente educanda. Voto: 3

Queen Vera Gemma – Passano le puntate e Vera Gemma s’impone come regina assoluta di questa edizione. Come le vere icone, più arranca, più manda in deliquio i suoi fan. Litiga con Gennaro Lillo, poi fa pace, si trascina sfatta per mezza Thailandia ma arriva al traguardo con la ferocia della tigre stanca e con uno scatto zittisce Mazzocchi accusandolo di finto buonismo. Non si ferma davanti a niente, nemmeno al water bug fritto che è costretta a ingurgitare: «È buonissimo, fai finta che è pollo», urla a Lillo che rifiuta di mangiare l’orrendo insettone. Voto: 9

Le outsider Collegiali – Nicole Rossi e Jennifer Poni sono le outsider di questa edizione: eternamente in bilico tra ultimo e penultimo posto, la sfangano per miracolo ma si godono il viaggio. «Hanno trovato il senso profondo di questa avventura», osserva il conduttore. E in effetti non si fanno mancare nulla: entrano in contatto profondo con le famiglie che le ospitano, litigano furiosamente, si commuovono per un paesaggio, sono più attente alla cultura e tradizioni del luogo che alle telecamere. La Rossi non si risparmia mai, che potenza. Voto: 7

Gli ascolti – Pechino Express sta vivendo una seconda giovinezza. Dopo alcune edizioni da dimenticare, in particolare l’ultima, il docu-reality di Rai 2 ha trovato nuove energie. Il merito è anche del capo progetto Luca Busso, che firma il successo de Il Collegio. La quarta puntata è stata vista da 2 milioni di spettatori (con l’8,9% di share), reggendo contro la corazzata Don Matteo (che ha sfiorato i 6 milioni di spettatori). Voto: 8

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Vita in Diretta, “Lorella Cuccarini si è offesa: secondo la Rete solo Matano può parlare di Coronavirus, non lei”

next
Articolo Successivo

Striscia la Notizia, Gerry Scotti si sente male. Francesca Manzini: “Hai un crampo al testicolo?”

next