La coppia formata da Gerry Scotti e Francesca Manzini ha preso il posto di Ficarra e Picone alla conduzione di Striscia la Notizia. L’esordio è stato lunedì 2 marzo ma proprio durante le registrazioni della prima puntata del tg satirico di Antonio Ricci Gerry Scotti si è sentito male. È accaduto fuorionda, mentre veniva mostrato il servizio di Cristiano Militello con il suo “Striscia lo Striscione”, per questo non si è visto nella puntata di lunedì. Ieri sera però, Antonio Ricci ha deciso di mostrare al pubblico quanto successo a telecamere spente.

Nelle immagini si vede Gerry Scotti fare una smorfia di dolore e portarsi la mano al fianco proprio subito dopo aver lanciato il servizio dell’inviato toscano. Il conduttore stava avendo un crampo addominale e così ha iniziato a lamentarsi, cercando di distendersi prima sulla poltrona poi alzandosi e appoggiandosi sofferente al bancone. Francesca Manzini ha creduto sulle prima che si trattasse di uno scherzo del conduttore, poi accortasi della gravità della cosa ha provato ad aiutarlo ma il risultato è stato una gag esilarante: “Mettiti sdraiato sul fianco…ma dove ti è preso il crampo, al testicolo?“, ha esclamato la Manzini, suscitando la risposta contrariata di Scotti: “Ma quale testicolo!”. E ancora Francesca Manzini: “Ma che quando stai male te ridi? Ma ti metti per favore sdraiato che ho fatto i massaggi quando ero povera“.

Una scena tragicomica, che ha scatenato le risate delle veline. Poi finalmente il crampo è passato e i due conduttori sono potuti tornare ai loro posti e riprendere la registrazione della puntata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pechino Express, le pagelle della quarta puntata: i due “teneri” Gladiatori sono diventati delle iene, la ferocia delle Top

next
Articolo Successivo

Rivelo, ospite dell’ultima puntata l’ex premier Matteo Renzi intervistato da Lorella Boccia

next