Le misure per contenere il coronavirus vanno verso una stretta e riguarderanno tutto il Paese per un mese, con una rivalutazione tra due settimane aggiungendone di nuove o, al contrario, alleggerendone la portata. Il Comitato tecnico scientifico, voluto dal premier Giuseppe Conte, ha presentato una serie di proposte e raccomandazioni per integrare il decreto dello scorso 1 marzo dicendosi, come filtra da Palazzo Chigi, “molto preoccupato”. Tra le nuove regole c’è quella di evitare per 30 giorni manifestazioni, anche quelle sportive, che comportino l’affollamento di persone e il non rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro. Lo sport, quindi, si dovrebbe poter disputare ma a porte chiuse.

Stop anche a convegni e congressi, specie di quelli che riguardano il personale sanitario e dei servizi di pubblica utilità. Non solo: è invitato a rimanere a casa, evitando contatti e vita sociale, anche chi ha solo qualche linea di febbre e non è mai stato nelle zone a rischio contagio o non è mai entrato in contatto con possibili positivi. È previsto inoltre che le persone che hanno oltre 75 anni e quelle che ne hanno più di 65 e sono ammalate sono invitate a non frequentare luoghi affollati. Viene inoltre raccomandato a tutti di evitare, quando possibile, abbracci e strette di mano, e di mantenere la distanza di un metro dalle altre persone.

L’elenco prosegue con l’invito a “evitare scambi di bottiglie, bicchieri in particolare durante attività sportive” e “richiede ai Comuni, agli enti territoriali, alle associazioni culturali, associazioni sportive, al mondo della comunicazione di offrire attività ricreative individuali alternative, che promuovano e favoriscano le attività all’aperto (senza assembramento)” o” presso il proprio domicilio”. C’è anche l’ipotesi di limitare la permanenza dei parenti di ammalati nelle sale di aspetto dei pronto soccorso e le visite dei familiari degli anziani ospiti nelle case di riposo.

Il vecchio decreto scade domenica 8 marzo, ma il nuovo regolamento potrebbe essere adottato anche prima, ovvero nelle prossime 24-48 ore. “Chiediamo uno sforzo a ogni cittadino, ciascuno può fare la propria con pochi semplici atti”, ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, a Dimartedì su La7. Al momento, non ci sono proposte di allargamento delle zone rosse, in particolare nel Bergamasco, Regione Lombardia e Istituto superiore di Sanità hanno chiarito che l’opzione è sul tavolo. Le nuove regole sono il risultato anche dei dati aggiornati diffusi dalla Protezione Civile nel pomeriggio con oltre 2.500 contagi e 79 morti su tutto il territorio italiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, l’Oms preoccupata: “C’è grave carenza mascherine”. E l’Italia è costretta a importarle: “Le cerchiamo in tutto il mondo”

next