È una settimana decisiva per capire l’andamento dell’epidemia di coronavirus sul territorio italiano. A dirlo sono gli esperti che da giorni studiano l’evoluzione del virus che ha contagiato finora più di 2500 persone in Italia. E che ha portato il governo – su consiglio del comitato scientifico – a stabilire nuove stringenti regole per affrontare l’emergenza. La giornata è caratterizzata dall’ennesimo rinvio di un evento importante (il Vinitaly di Verona) e da un fatto nuovo: a Bergamo è ricoverato un bambino che ha poche settimane di vita. Secondo il personale medico dell’ospedale Giovanni XXIII, il piccolo è “grave ma ha capacità di recupero superiori agli adulti. Gli abbiamo fatto un tampone per scrupolo perché aveva delle difficoltà respiratorie, si tratta di un ricovero recentissimo, di ieri sera o addirittura stamattina. Il bimbo non è intubato, respira da solo. Le sue condizioni non destano particolare preoccupazione”. Registrata la prima vittima al Sud: un 75enne foggiano.

A fornire altri dettagli sulla situazione è stato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, secondo cui il neonato “era già in un percorso assistenziale post nascita che viene considerato normale rispetto alle condizioni cliniche”. Quello del capoluogo orobico è il primo caso di bambini in serie condizioni di salute a causa del coronavirus. La Bergamasca, poi, è finita sotto osservazione per l’aumento dei casi di contagio – 372 in provincia – che ha portato l’Istituto superiore di Sanità a valutare l’estensione della zona rossa “sulla base di alcuni criteri epidemiologici, geografici e di fattibilità della misura”. Il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro ha annunciato che è in corso un’analisi “con la Lombardia su nuovi casi per comuni della cintura bergamasca e stiamo vedendo con i dati d’incidenza e in base ai tassi di riproduzione del virus”. Nel frattempo, il numero di persone guarite sul territorio nazionale aumenta a 160 (il 6,3% dei contagiati), mentre il numero delle vittime è balzato dai 52 di ieri ai 80 di questa sera (3,15% dei contagiati). Il tutto a fronte di 2502 casi complessivi dall’inizio dell’epidemia.

I numeri del contagio In Italia – A fare il consueto bilancio dei dati del contagio in Italia è stato il capo della Protezione civile Angelo Borrelli. I casi attivi di contagio sono in tutto 2263, il 23,3% in più rispetto a ieri (1835). Di queste, 229 sono ricoverate in terapia intensiva, 1034 ricoverate con sintomi e 1000 si trovano in isolamento domiciliare. Il numero delle vittime, come detto, è salito invece a 79 (80 quando l’Istituto superiore di sanità confermerà il caso pugliese), con 27 decessi registrati nella sola giornata di oggi: 17 in Lombardia, 8 in Emilia Romagna, 1 in Veneto e 1 in Liguria, in un range di età tra i 55 e i 101 anni di età, alcuni con patologie pregresse. Borrelli ha poi sottolineato che “continua la attività di ricerca delle mascherine”, annunciando che “ne sono arrivate 400mila dal Sud Africa e che a breve lo stesso fornitore ne fornirà altre 500mila”. Anche l’assessore regionale lombardo al Welfare Giulio Gallera ha aggiornato i numeri dell’emergenza coronavirus in Lombardia, dove i casi positivi sono diventati 1520 in tutto. Tra questi ci sono 167 persone in terapia intensiva, mentre 461 contagiati si trovano in isolamento domiciliare. Ad oggi, inoltre, i morti nella sola Lombardia sono diventati 55.

Positivi due giudici a Milano: evacuato piano tribunale – A Milano, inoltre, sono stati contagiati anche due magistrati, uno della Sesta sezione civile e l’altro della sezione Misure di prevenzione, sono risultati positivi al test e sono ora in isolamento. I due giudici, un uomo e una donna, “non stanno male”, ha precisato il presidente del Tribunale milanese Roberto Bichi, e sono ora ricoverati all’ospedale Sacco: lui è sintomatico, lei invece non ha sintomi. Dopo la notizia, sono stati chiusi alcuni uffici e alcune aule di udienza del Palazzo di Giustizia: è stata decisa poi la sospensione dei processi civili ordinari fino ad aprile. Un primo caso di positività è stato registrato anche a Cinisello Balsamo, comune alle porte di Milano.

In Emilia Romagna 85 nuovi casi positivi, 7 decessi e 420 contagi in tutto.
Nel frattempo aumentano i contagi e le vittime in Emilia Romagna. Il numero di casi positivi registrati oggi è di 420, alla luce dei quasi 1.778 test tampone refertati: sono 256 a Piacenza, 84 a Parma, 14 a Reggio Emilia, 33 a Modena, 6 a Bologna e 24 a Rimini, 1 a Forlì-Cesena, 2 a Ravenna. Sale ancora il numero dei decessi: complessivamente 18 le persone decedute in Emilia-Romagna, 7 in più rispetto a ieri pomeriggio, tutte con patologie pregresse. Tra questi due donne: una di 70 anni della provincia di Parma deceduta all’ospedale di Vaio (Pr), la seconda, ultraottantacinquenne lombarda, deceduta all’ospedale di Piacenza. Sono cinque gli altri morti registrati al nosocomio di Piacenza: quattro piacentini, rispettivamente 91, 80, 86, 77 e un lodigiano di 77 anni. Ottantacinque i nuovi casi, rispetto ai 335 rilevati ieri pomeriggio: 44 a Piacenza, 23 a Parma, 6 a Reggio Emilia, 4 a Modena, 3 a Bologna e 5 a Rimini. Resta invariato il numero delle persone risultate positive a Ravenna (2) e a Forlì-Cesena (1). I nuovi pazienti, come la maggior parte delle persone risultate ad oggi positive, si trovano in condizioni non gravi. Sono molti i casi asintomatici o con sintomi modesti e 187 le persone in cura a casa, dove si trovano in isolamento. I ricoveri in terapia intensiva sono saliti a 24.

Giornalista Rai ricoverato. Allo Spallanzani 11 positivi – Un dipendente contagiato anche in Rai: è un giornalista, scrive l’Adnkronos, risultato positivo al test dopo essere stato in trasferta nella zona gialla. Da dieci giorni, fa sapere Viale Mazzini, non è andato a lavoro in una sede Rai. Ora è ricoverato allo Spallanzani in buone condizioni. Nell’ospedale romano sono ricoverati 11 casi positivi, compresa la coppia cinese ormai guarita. “Due ricoverati presentano una polmonite e necessitano di supporto respiratorio”, si legge nel bollettino. Dove viene specificato che “tutti i casi positivi, al momento, presentano un link epidemiologico con le aree del Nord del Paese”. L’agenzia Dire ha fatto sapere che è risultato positivo al test anche il sindaco di Calendasco, Filippo Zangrandi, che è anche dipendente della Regione Emilia-Romagna. Al tampone è stato sottoposto in via precauzionale anche Papa Francesco dopo che nei giorni scorsi ha avuto l’influenza: l’esito è stato negativo.

La situazione negli ospedali – Tutti gli sforzi si stanno concentrando in queste ore nel reperire nuovi posti negli ospedali, in particolare nelle terapie intensive. Regione Lombardia ha fatto sapere che la sanità privata ne ha messi a disposizione una cinquantina e oggi con il recupero anche dei blocchi di chirurgia “saremo circa a 250″, come ha spiegato l’assessore al Welfare Giulio Gallera ad Agorà. Gallera ha anche ribadito che “il vero punto debole è la terapia intensiva e per questo ma Regione ha stanziato 40 milioni per l’acquisto di respiratori mobili”. Resta comunque alta la preoccupazione per la tenuta del nostro sistema sanitario, soprattutto nelle regioni con il maggior numero di casi. In Lombardia, spiega Cristina Mascheroni, presidente Aaroi-Emac Lombardia, l’associazione degli anestesisti e rianimatori ospedalieri, sono ricoverati in terapia intensiva per il coronavirus “circa 150 persone, tra cui il ‘paziente numero uno’, il 38enne ancora in rianimazione al Policlinico San Matteo di Pavia. Quattro sono in Ecmo, ovvero il loro sangue è ossigenato all’esterno del corpo”. Alessandro Vergallo, presidente della Società nazionale, ha confermato: “In Lombardia siamo al lumicino”. In questo stato, dice, “il sistema può reggere ancora pochissimo“. Scarseggiano i posti, ma scarseggia anche il personale in corsia. Il governatore Fontana ha annunciato di voler anticipare la laurea di cento infermieri, prevista per aprile. Per far fronte alla mancanza di posti letto, 80 caserme in tutt’Italia hanno messo a disposizione le loro strutture, in caso di emergenza.

La politica – Il premier Giuseppe Conte ha dato appuntamento per stasera a tutti i partiti: alle 18.30 i capi-delegazione della maggioranza, poi alle 20.30 le opposizioni. Intanto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha presentato il Piano Straordinario 2020 per la promozione del Made in Italy: “I blocchi alle merci sono inaccettabili. E avere Paesi che in queste ore stanno chiedendo dei bollini di garanzia sulle merci italiane è un fatto inaccettabile”, ha dichiarato Di Maio. “Per i voli la Farnesina è attiva da diversi giorni per chiedere a chi ha bloccato i voli con l’Italia di rimuoverlo in toto, perché non hanno senso“, ha aggiunto.

CRONACA ORA PER ORA

22.34 – Ischia (Napoli) primo caso di contagio – Ad Ischia (Napoli) si registra un primo caso di contagio da coronavirus, per il quale si attende la conferma definitiva da parte dell’Istituto Superiore della Sanità. Si tratta di un uomo arrivato sull’isola in vacanza da Brescia e che alloggiava in un hotel di Forio; attualmente è ricoverato all’ospedale Rizzoli e nelle prossime ore potrebbe essere trasferito all’ospedale Cotugno di Napoli. Per precauzione al momento la struttura alberghiera viene presidiata dalle forze dell’ordine.

22.32 – Chiuse le scuole del Torre del Greco (Napoli) – Il sindaco di Torre del Greco (Napoli) Giovanni Palomba ha firmato in serata un’ordinanza con la quale ha disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado fino a sabato 7 marzo.

22.29 – Positivo consigliere Friuli – Il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin, dopo essersi consultato con il governatore Massimiliano Fedriga e con il vicegovernatore con delega a Salute e Protezione civile, Riccardo Riccardi, ha annullato le seduta d’Aula previste nei prossimi due giorni, mercoledì 4 e giovedì 5 marzo, dopo che è risultato positivo al test del Coronavirus un consigliere regionale, oggi presente alle prime fasi della seduta dell’Assemblea legislativa.

22.23 – Giovedì cdm su sforamento deficit – Sarà trattato nel consiglio dei ministri di giovedì il tema dello sforamento del deficit per 3,6 miliardi per l’emergenza coronavirus e dell’iter necessario a ottenere il via libera dal Parlamento. In base a quanto si apprende è quanto emerso nel corso della riunione a Palazzo Chigi fra rappresentanti del governo e il premier, Giuseppe Conte. Sempre giovedì, secondo quanto si apprende, potrebbe arrivare su tavolo del consiglio dei ministri anche il decreto con le nuove misure di carattere economico.

22.18 – Positivi due docenti dell’Università di Napoli – Non presentano sintomi gravi i due professori dell’Università di Napoli Federico II risultati postivi al coronavirus. È quanto comunica sul sito dell’ateneo, il pro rettore Arturo De Vivo che annuncia la costituzione di una task force con il compito di attuare le misure di prevenzione all’interno delle sedi universitarie. “I docenti interessati non presentano sintomi gravi e sono efficacemente assistiti dal Servizio sanitario regionale – dice – ma soprattutto per mettervi a conoscenza del fatto che l’Asl competente ha tempestivamente attuato tutte le attività necessarie ad evitare eventuali contagi secondari”.

22.18 – Il ministro Speranza: “Situazione più chiara non prima di una settimana” – La situazione sarà più chiara “non prima di un’altra settimana, dieci giorni”. Lo avrebbe detto il ministro Roberto Speranza, intervenendo a Palazzo Chigi, nel corso del vertice sull’emergenza coronavirus, alla presenza di tutte le forze parlamentari. Per Speranza infatti “oggi scopriamo casi di persone contagiate precedentemente alle misure adottate dal governo. Domenica si capiranno gli effetti sulla zona rossa”.

22.09 – Il ministro Speranza: “Possiamo vincere” – “Il governo, le regioni e le istituzioni devono fare la propria parte. I cittadini devono essere protagonisti in questa sfida, seguendo le indicazioni provenienti dai nostri scienziati. I piccoli gesti quotidiani sono fondamentali”. Lo ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo in diretta telefonica a Di Martedi su la7. “L’economia si riprende se sconfiggiamo insieme il coronavirus. Questa adesso deve essere la priorità per tutti”.

21.59 – Il ministro Speranza: “Cerchiamo di aumentare letti in rianimazione” – “Si sta cercando di aumentare del 50% la quota dei letti in rianimazione, del 100% quella dei letti in pneumologia e malattie infettive”. Lo avrebbe detto, a quanto si apprende, il ministro Roberto Speranza, intervenendo a Palazzo Chigi, nel corso del vertice sull’emergenza coronavirus, alla presenza di tutte le forze parlamentari.

20.50 – Docente Università Calabria positivo – Un docente dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria è risultato positivo al coronavirus. Ora si trova ricoverato a Catania. Nel pomeriggio dal Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea è stato diramato un avviso a tutto il corpo docente e ai rappresentanti degli studenti, confermato dai vertici sanitari dell’Asp5 di Reggio Calabria, del contagio da Covid-19 di un docente dello stesso Dipartimento, residente a Catania, dove risulterebbe ricoverato.

Risale al 19 febbraio scorso l’ultima volta in cui, secondo quanto si è potuto apprendere, il docente del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea, risultato positivo al coronavirus, è stato a Reggio Calabria. Il docente è ricoverato all’ospedale Cannizzaro di Catania e la diagnosi ufficiale è arrivata oggi. Le sue condizioni sono stabili e non destano preoccupazioni particolari. (ANSA).

21.06 – Primo morto un Puglia – In Puglia salgono a nove i casi di infezione da coronavirus, oltre al 75enne foggiano deceduto, che è la prima vittima nella regione, oggi è risultato positivo anche un agente di commercio di 47 anni residente a Trani è ricoverato nel reparto di malattie infettive di Bisceglie. L’uomo era stato nei giorni scorsi in Lombardia e Veneto per lavoro.

21.00 – No strette di mano e abbracci, stop a manifestazioni, anziani a casa: le nuove misure del governo
Tra le nuove regole c’è quella di evitare per 30 giorni manifestazioni, anche quelle sportive, che comportino l’affollamento di persone e il non rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro. Stop insomma a convegni e congressi. Non solo: è invitato a rimanere a casa, evitando contatti e vita sociale, anche chi ha solo qualche linea di febbre e non è mai stato nelle zone a rischio contagio o non è mai entrato in contatto con possibili positivi. È previsto inoltre che le persone che hanno oltre 75 anni e quelle che ne hanno più di 65 e sono ammalate sono invitate a non frequentare luoghi affollati. Viene inoltre raccomandato a tutti di evitare, quando possibile, abbracci e strette di mano, e di mantenere la distanza di un metro dalle altre persone.

20.25 – Secondo caso di contagio in Sardegna
C’è un secondo caso di coronavirus in Sardegna. Si tratta – secondo quanto apprende l’ANSA da fonti della Regione Sardegna – di un docente di agraria cagliaritano, che nei giorni scorsi ha partecipato ad un congresso a Udine. L’uomo è in buone condizioni e si trova in quarantena volontaria a casa. E’ sempre ricoverato, invece, all’ospedale Santissima Trinità di Cagliari l’imprenditore 42enne, il primo caso in Sardegna: le sue condizioni sono stazionarie.

19.58 – Marche, 61 positivi in 15 comuni
Sono distribuite in 15 Comuni marchigiani le 61 persone finora risultate positive al Coronavirus nella regione, su 200 test effettuati. Lo scrive la Regione Marche nell’ordinanza che ha disposto la sospensione delle attività didattiche e le manifestazioni pubbliche di ogni natura dalla mezzanotte di stasera alle 24 dell’8 marzo. In particolare 55 interessano cinque Comuni del Pesarese (26 a Pesaro, 10 a Fano, 5 a Vallefoglia, 4 a Urbino, 2 Montecalvo in Foglia, uno rispettivamente a Cartoceto, Gabicce, Colli al Metauro, Tavullia, Sassocorvaro, Sassofeltrio); nell’Anconetano ci sono due persone positive (una di Ancona e l’altra di Osimo) mentre in provincia di Macerata sono uno nella città di Macerata e un altro a Matelica. Dei pazienti positivi 9 sono ricoverati in terapia intensiva, 28 in Malattie infettive e 22 in isolamento domiciliare. In isolamento domiciliare ci sono 425 persone (418 asintomatici e sette con sintomi) tra cui 65 operatori sanitari.

19.54 – Marche chiude scuole per una settimana
“Visto l’aggravarsi della situazione, poiché nelle Marche siamo arrivati a due decessi e oltre 60 casi di coronavirus, diffusi principalmente nella provincia di Pesaro Urbino, oggi estesi anche nelle province di Ancona e Macerata, emettiamo una nuova ordinanza. Adottiamo le misure necessarie a contenere la diffusione del contagio, a partire da domani mattina 4 marzo fino alle ore 24 dell’8 marzo, su tutto il territorio regionale. Quindi in questo periodo in tutte le Marche sono sospese le attività didattiche e le manifestazioni pubbliche di qualsiasi natura”. Così il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli.

19.30 – Vicepresidente Regione: “Lombardia tutta zona rossa economica”
“In senso economico vogliamo che si consideri zona rossa tutta la Regione Lombardia. Il problema economico è su tutta la regione”. Lo ha detto il vice presidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala in un passaggio del suo intervento alla conferenza stampa per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

19.27 – I dati di contagio nelle province lombarde
I casi di coronavirus aumentano soprattutto nella bergamasca. Gli ultimi dati dell’assessorato al Welfare della Regione Lombardia sono di 482 positivi a Lodi, 372 a Bergamo, 287 a Cremona, a Pavia 122 e a Milano 93. Rispetto a ieri, sono 129 i casi positivi in più a Bergamo, contro i 98 nuovi casi del lodigiano.

19.19 – Tribunale Milano, stop udienze penali non urgenti
Il presidente del Tribunale di Milano Roberto Bichi, sulla base del provvedimento di tutti i vertici giudiziari milanesi che consente di limitare e rinviare anche le udienze penali, ha deciso ora che “i giudici del settore penale procedano al rinvio, a data congrua, comunque successiva al 31 marzo” delle udienze relative ai procedimenti penali non urgenti, ossia escluse le convalide di arresti o fermi, i procedimenti nei confronti di detenuti, le udienze del Riesame e quelle che saranno ritenute “di urgenza” dai singoli magistrati. Una decisione presa dopo che era già stata disposta dallo stesso Bichi la sospensione di tutte le udienze civili non urgenti.

19.02 – Aefi: “71 fiere posticipate, 22 cancellate”

18.56 – Rinviate le giornate Fai di primavera
Sono state rinviate al 9 e 10 maggio le giornate Fai di Primavera. La più grande festa di piazza dedicata ai beni culturali posticipa – è scritto in una nota – il consueto appuntamento primaverile (21 e 22 marzo) al mese di maggio, una decisione resa necessaria dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19. “L’appuntamento è rinviato – spiegano – perché crediamo che questo festoso ritrovarsi sia il modo migliore per reagire alle difficoltà di queste settimane e rimettere in moto l’Italia dell’arte e della cultura. Per questo il 9 e il 10 maggio invitiamo il pubblico ancora più numeroso nelle piazze per sostenere l’Italia più bella e dare nuova forza, insieme, al nostro patrimonio culturale grazie all’amore per l’arte, per la natura e all’inesauribile voglia di scoprire le meraviglie del nostro Paese”.

18.51 – Scala di Milano sospende attività fino all’11 marzo
“La Direzione del Teatro alla Scala ha ricevuto comunicazione di un caso di positività al Covid-19 relativo ad un componente di un cast di canto. A tale proposito, in conformità con l’attivazione dei protocolli sanitari previsti dall’ATS e ad integrazione delle misure già adottate nei giorni scorsi, la Direzione del Teatro ha richiesto a tutti i lavoratori entrati in contatto con l’artista che abbiano manifestato sintomi sospetti di mettersi in contatto con l’infermeria. Conseguentemente è stata disposta la proroga fino alla giornata di mercoledì 11 marzo della sospensione cautelativa delle attività artistiche, tecniche ed amministrative già in atto dal giorno 26 febbraio”. E’ quanto si legge in una nota del Teatro alla Scala di Milano che “desidera ringraziare il suo pubblico e tutti i lavoratori per la serenità con la quale stanno affrontando un momento che richiede a tutti senso di responsabilità collettiva”.

18.25 – Rinviato a giugno il Vinitaly di Verona
La 54esima edizione del Vinitaly è stata rinviata a giugno, dal 14 al 17. È quanto fa sapere Veronafiere. La fiera internazionale del vino era stata inizialmente confermata, ma oggi è stato deciso il rinvio dell’evento che richiama buyer e appassionati da tutto il mondo. La fiera di Verona, “con oltre 4.600 aziende espositrici, più di 40 Paesi produttori e 400 eventi in quattro giorni”, come si legge sul sito ufficiale, era inizialmente prevista da domenica 19 a mercoledì 22 aprile.

18.24 – Istituto superiore sanità: “Valutiamo allargamento zona rossa nella Bergamasca”
“Stiamo valutando l’opportunità di estendere la zona rossa sulla base di alcuni criteri epidemiologici, geografici e di fattibilità della misura”. Lo ha detto il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro nella conferenza stampa alla protezione civile parlando dell’area del bergamasco. “Stiamo analizzando con la Lombardia con grande attenzione su nuovi casi per comuni della cintura bergamasca – ha aggiunto – e stiamo vedendo con i dati d’incidenza e in base ai tassi di riproduzione del virus”.

18.22 – Gallera: “Impennata di casi nel Bergamasco”
“C’è stata una impennata di casi nel bergamasco, con un incremento di positivi a Bergamo di 129 superiore rispetto persino al focolaio di Lodi dove è stato di 98”. Lo ha detto l’assessore al welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera, il quale ha spiegato che è stato “chiesto all’Istituto Superiore di Sanità di fare valutazioni e suggerire a noi e al governo le migliori strategie” per contenere il contagio e “garantire il meglio delle cure a tutti coloro che ne hanno bisogno”. “Se l’Iss stabilirà che è meglio fare la zona rossa – ha aggiunto – faremo la zona rossa. L’Iss farà una comunicazione ufficiale al ministero della salute e a Regione Lombardia. Il metodo migliore è quello di affidarsi alla scienza e noi ci affidiamo alla scienza”.

18.21 – Borrelli: “229 in terapia intensiva, il 10% dei malati”
Il 10% dei malati di coronavirus, pari a 229 persone, è in terapia intensiva. Il dato è stato fornito dal commissario Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla protezione civile. Sono invece mille le persone in isolamento domiciliare e 1.034 i ricoverati con sintomi. Secondo i dati, inoltre, l’88% dei malati è in tre regioni: Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

18.12 – Borrelli: “In Italia 2263 contagi e 79 morti”
Sono 2.263 i malati per coronavirus in Italia, con un incremento di 428 persone rispetto a ieri e 79 i morti, 27 in più. Il nuovo dato è stato fornito dal commissario Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla Protezione Civile. A questi vanno aggiunti i 160 guariti (11 in più rispetto a ieri).

18.10 – Gallera: “Presto 40 medici e infermieri militari”
“Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha telefonato a me e all’assessore Forono” per comunicarci che a breve saranno a disposizione “14 medici e 20 infermieri militare” che nei giorni successivi arriveranno a “20 medici e 20 infermieri”: lo ha detto l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera, il quale poi ha aggiunto che “il Ministero ci ha comunicato che consentirà di assumere” gli infermieri neolaureati “prima dell’iscrizione all’albo. Questo – ha aggiunto – ci permetterà di assumere 350 infermiere di immettere a metà marzo”.

18.00 – Gallera: “In Lombardia 1520 contagiati, 55 deceduti”
In Regione Lombardia ci sono “1520 pazienti positivi, di cui 698 ospedalizzati, 167 in tearpia intensiva, 461 in isolamento domiciliare e 55 deceduti”. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera in un passaggio della conferenza stampa per fare il punto sull’emergenza coronavirus. Gallera poi ha annunciato che “i pazienti ospedalizzati sono 698” e che “la patologia sta incrementando in maniera costante”. Infine lo stesso componente della Giunta Fontana ha annunciato che saranno fatte “azioni informative con volantini e locandine per invitare a stare al proprio domicilio le persone con più di 65 anni per le prossime due o tre settimane”.

17.37 – Catania, 3 docenti contagiati: chiude dipartimento dell’università
Tre docenti del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania sono risultati positivi al test del Coronavirus. “La lettura dei primi tamponi – spiega il rettore Francesco Priolo- è avvenuta in data odierna e i risultati mi sono stati comunicati alle ore 15. I tamponi sono risultati positivi, anche se la conferma definitiva dovrà avvenire tramite la validazione dei centri nazionali preposti. I colleghi risultati positivi sono tutti a casa sotto osservazione e nessuno di loro versa in gravi condizioni”. Di concerto con le autorità sanitarie regionali, si legge in un a nota pubblicata sul sito dell’Università etnea, le sedi del dipartimento di via Santa Sofia 100 e via Valdisavoia 5, rimarranno chiuse fino a sabato 7 marzo per provvedere alla disinfezione dei locali; l’attività didattica verrà ripresa il 9 marzo. Il ministero dell’Università e le autorità sanitarie regionali sono stati informati in merito alla situazione, al fine di valutare e concordare eventuali ulteriori misure restrittive da adottare.

17.25 – Bergamo, ricoverata in gravi condizioni una bambina di un anno
E’ un neonato maschio di poche settimane il piccolo paziente positivo al nuovo coronavirus ricoverato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. A precisarlo all’AdnKronos Salute fonti della stessa Asst. Il bimbo è arrivato ieri nella struttura con sintomi respiratori e subito è stato trattato come un caso sospetto, spiegano dall’ospedale. Il bebè è stato quindi isolato in Patologia neonatale. Il tampone è risultato positivo. Sulle sue condizioni c’è grande attenzione, perché il paziente è molto piccolo, ma respira da solo e il quadro non appare particolarmente preoccupante al momento, secondo quanto riferiscono dalla struttura.

17.17 – Annullata mezza maratona Roma-Ostia
Annullata la mezzamaratona Roma-Osta 2020. Lo annuncia in una nota il Campidoglio al termine del vertice in Prefettura sul tema dell’emergenza epidemiologica coronavirus. “Le valutazioni medico sanitarie provenienti dagli organismi competenti hanno spinto a valutare inopportuno lo svolgersi della mezzamaratona RomaOstia 2020, evento sportivo previsto per domenica 8 marzo – si legge nel comunicato -. Sulla base di queste valutazioni, di concerto con le istituzioni presenti al tavolo, così come previsto dall’ultima circolare del Ministero dell’Interno, sarà emanato un provvedimento del Campidoglio per l’annullamento della mezzamaratona RomaOstia 2020 di domenica 8 marzo”. Al vertice hanno partecipato la prefetta Gerarda Pantalone, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti e la sindaca di Roma Virginia Raggi.

17.14 – In Emilia Romagna 85 nuovi casi positivi, 7 decessi e 420 contagi in tutto.

17.07 – Governatore Abruzzo: “Qui 5 casi, tracciati e circoscritti”
“Ad oggi in Abruzzo abbiamo 5 casi certificati dall’Istituto Superiore di sanità. Sono tutti tracciati e circoscritti”. Così il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio parla dell’emergenza Coronavirus. “Sono tutte persone che risiedono in Lombardia e si erano, per ragioni diverse, spostate da poco in Abruzzo. C’è un unico residente abruzzese che ha lavorato gli ultimi tempi in Lombardia e in Veneto”.

16.51 – Conte convoca ministri per domani alle 10
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha convocato per domattina alle 10 una riunione con tutti i ministri per discutere delle prossime misure da adottare per far fronte alle ricadute dell’emergenza Coronavirus. Lo si apprende da più fonti di governo. Nella convocazione, a quanto viene riferito, viene spiegato che il tavolo con tutti i ministri e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, servirà a discutere delle misure economiche da mettere in campo, in vista del tavolo convocato alle 16 a Palazzo Chigi con le parti sociali.

16.47 – Ospedale Cremona, 147 positivi. I medici: “Reggiamo bene”
Sono 157 i pazienti affetti da coronavirus ricoverati all’ospedale di Cremona, uno dei presidi sanitari di frontiera che accoglie i malati della zona rossa. Ieri erano 134. Lo si apprende dallo stesso ospedale, spiegando che di questi pazienti sono 15 quelli in terapia intensiva. “Reggiamo bene e siamo compatti”, dicono dall’ ospedale, che ha pubblicato due bandi per medici e infermieri alla scopo di reclutare nuovo personale per far fronte all’emergenza. Sono 150 gli infermieri candidati, secondo quanto si apprende; 15 sono già stati reclutati.

16.19 – Di Maio: “Paesi rimuovano blocco voli” – “Per i voli la Farnesina è attiva da diversi giorni per chiedere a chi ha bloccato i voli per l’Italia di rimuovere il blocco in toto perché non ha senso. Posso capire le zone rosse messe sotto attenzione” per il coronavirus “ma dire che si chiude da e per l’Italia è inaccettabile”. Lo ha detto il ministro Luigi Di Maio alla presentazione del piano per il made in Italy alla Farnesina.

15.57 – Slitta 730 per 20,5 milioni di contributi – L’Agenzia delle Entrate comunica le nuove scadenze fiscali fissate dal decreto del governo per fronteggiare l’emergenza coronavirus. E’ previsto lo slittamento a settembre per la presentazione del 730 e la misura riguarda circa 20,5 milioni di contribuenti. Di questi 8,1 milioni sono pensionati e 12,4 milioni dipendenti. La proroga dei termini delle Certificazioni Uniche al 31 marzo favorirà invece 4,3 milioni di sostituti d’imposta (datori di lavoro e enti pensionistici).

15.51 – Roma, un altro vigile del fuoco positivo – “C’è una nuova positività al Covid-19 per un allievo della scuola dei Vigili del Fuoco di Capannelle. È stato predisposto il trasferimento presso l’istituto Spallanzani”. Lo comunica la Direzione sanitaria dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani.

15.47 – Canal+ si scusa per il video sull’Italia – “Canal+ si scusa con i nostri amici italiani per la trasmissione di una breve sequenza di pessimo gusto, soprattutto nel contesto attuale, facendo un riferimento caricaturale all’Italia in un programma satirico”. Lo afferma un portavoce del gruppo televisivo francese, specificando che “questa sequenza è già stata rimossa da tutte le repliche e riproduzioni del canale”. Sul video della ‘pizza coronà “Canal+ invierà oggi pomeriggio una lettera di scuse all’Ambasciatore italiano a Parigi”, aggiunge il portavoce.

15.34 – Tedesco positivo al test era stato ai mondiali di Biathlon in Alto Adige – Il turista tedesco di 68 anni, affetto da coronavirus dopo un soggiorno in Alto Adige, per un’intera settimana ha seguito i mondiali di biathlon ad Anterselva. Lo scrive il quotidiano Dolomiten citando l’assessorato alla Salute della Bassa Sassonia. La manifestazione sportiva ha registrato 20.000 spettatori al giorno. La comitiva di 46 turisti soggiornava a Monguelfo e ogni giorno raggiungeva il centro biathlon con il bus navetta.

15.27 – Ambasciata di Francia si dissocia da video Canal+ – “L’Ambasciata di Francia in Italia si dissocia totalmente dalla satira comparsa nella trasmissione di un canale televisivo privato francese che non corrisponde in alcun modo al sentimento delle autorità e del popolo francesi. La Francia esprime la propria solidarietà all’Italia di fronte all’emergenza legata al coronavirus”. Lo riferiscono all’Ansa fonti diplomatiche francesi in merito alla trasmissione di Canal+.

15.03 – A San Marino 10 casi, 98 in quarantena
Salgano a dieci, dagli otto di ieri, i casi positivi di coronavirus nella Repubblica di San Marino. E’ quanto emerge dai dati del Gruppo di coordinamento per le emergenze sanitarie del Titano. Nel dettaglio, 7 delle persone risultate positive al virus sono ricoverate all’Ospedale di San Marino – una in Rianimazione in condizioni serie ma stabili e sei con sintomatologia moderata – e tre presso il proprio domicilio in condizioni buone. Ai dieci casi va aggiunto il decesso di un 88enne morto nel pomeriggio di domenica nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘Infermì di Rimini dove era ricoverato dal 25 febbraio a causa delle sue compromesse condizioni di salute.
Ad oggi sono 37 i tamponi totali effettuati – di cui 19 risultati negativi, 11 positivi e 7 in attesa di esito – mentre sono 98 le quarantene domiciliari. Nella mattinata, sono state 9 le persone hanno terminato la quarantena. Dei 10 casi positivi, la fascia d’età va dai 68 ai 93 anni: cinque sono femmine e cinque maschi.

14.55 – Di Maio: “Rimborsi alle piccole e medie imprese per le mancate fiere”
“Le Pmi saranno rimborsate al 100% per le mancate fiere”. E’ uno dei punti del piano straordinario per il rilancio del Made in Italy dopo l’emergenza coronavirus. Lo ha detto il ministro Luigi Di Maio.

14.49 – Di Maio: “Blocchi alle merci italiane sono inaccettabili”
“I blocchi alle merci sono inaccettabili. E avere Paesi che in queste ore stanno chiedendo dei bollini di garanzia sulle merci italiane è un fatto inaccettabile”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante la presentazione del Piano Straordinario 2020 per la promozione del Made in Italy davanti all’emergenza Coronavirus.

14.38 – Chiude reparto dell’ospedale Moscati di Avellino
È stato chiuso per precauzione il reparto di otorinolaringoiatria dell’ospedale “San Giuseppe Moscati” di Avellino. La decisione è stata assunta dai vertici dell’azienda ospedaliera in seguito alla ricostruzione dei contatti di una donna risultata contagiata da Coronavirus che per alcuni giorni ha assistito il padre ricoverato nel reparto del nosocomio irpino. Si tratta di una insegnante di 47 anni residente a Striano (Salerno) risultata positiva al test del Covid-19 dopo essersi recata al Pronto Soccorso dell’ospedale di Striano dove le era stata diagnosticata una polmonite bilaterale. Da ieri sera l’insegnante è ricoverata al “Cotugno” di Napoli. I residenti nella palazzina dove abita la donna sono stati posti in quarantena mentre il sindaco di Striano ha disposto la chiusura delle scuole. Monitoraggi sono stati anche avviati nella scuola di Torre del Greco (Napoli) dove la donna insegna. È la terza persona che risulta contagiata in provincia di Salerno.

14.26 – Piemonte: 56 casi positivi: 40 in provincia di Asti – Sono 56 i casi risultati positivi al coronavirus ‘Covid19’ in Piemonte: 40 in provincia di Asti, 7 in provincia di Torino, 4 nel Verbano Cusio Ossola, 3 in provincia di Novara, 1 nel Vercellese e 1 nell’alessandrino. Tredici persone sono tuttora ricoverate in ospedale: 7 ad Asti, 3 a Novara e 3 all’ospedale Amedeo di Savoia di Torino. Altri 3 pazienti sono ricoverati in terapia intensiva. Sono sempre 40 le persone in isolamento fiduciario domiciliare, la maggior parte componenti della comitiva reduce dal soggiorno di Alassio. Finora sono 477 i tamponi eseguiti in Piemonte, 387 dei quali risultati negativi.

14.14 – Primo caso di coronavirus a Cinisello Balsamo – Nel comune alle porte di Milano un cittadino residente è risultato essere positivo al test sul Covid-19. Il sindaco di Cinisello Balsamo, Giacomo Ghilardi, appena informato del caso, ha provveduto a contattare tutte le autorità competenti. “Come già accaduto in altri Comuni a noi vicini, purtroppo anche un nostro residente è risultato positivo al Covid-19. Al momento non sono stati forniti altri dettagli che ci impongano di assumere ulteriori provvedimenti sulla città oltre a quelli già in atto. Preciso che è compito delle Autorità sanitarie adottare tutte le misure necessarie per la gestione del caso, compresa la verifica dei contatti del paziente”, ha spiegato.

14.03 – Stop dei processi civili ordinari a Milano – E’ il primo provvedimento che arriva dal presidente del tribunale Roberto Bichi dopo che due giudici sono risultati positivi al coronavirus. “Il differimento prevede un rinvio congruo dopo aprile”, spiega Bichi ai cronisti. Proseguono invece i procedimenti civili urgenti e le cause penali. Resta fissata, ad esempio, l’udienza sul caso Ilva del 6 marzo, perché è un procedimento urgente.

13.59 – A Palermo 4 pm in autoquarantena
Alcuni magistrati della Procura di Palermo, tra aggiunti e pm, sono in ‘autoquarantenà volontaria perché tornati da zone a rischio, sia in Italia che all’estero. I pm lavoreranno per i prossimi 15 giorni dalle proprie abitazioni per evitare eventuali rischi di contagio. Sarebbe stato il Procuratore Francesco Lo Voi, come scrive il sito di Repubblica Palermo, a consigliare ai pm di restare per un periodo a casa. Ma nessuno dei magistrati in quarantena volontaria ha sintomi influenzali.

13.52 – Termoscanner alla Camera per monitorare ingressi – Il termoscanner arriva alla Camera per il monitoraggio del Coronavirus. Da questa mattina a tutti gli ingressi di Montencitorio è presente il personale sanitario che misura la temperatura a dipendeti, parlamentari e giornalisti, con mascherina e guanti in lattice. Sempre agli ingressi sono stati messi a disposizione pacchetti di fazzolettini e disinfettante per le mani. Tutte misure che fanno parte della prevenzione e dei controlli per il arginare l’epidemia e che il Senato ha già adottato.

13.42 – Spallanzani: “Tutti i positivi hanno collegamento con Nord” – “Tutti i casi positivi, al momento, presentano un link epidemiologico con le aree del Nord del Paese”. Lo rende noto il bollettino dell’Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma.

13.37 – Di Maio: “Video Canal+ inaccettabile” – “Considero il video diffuso da una tv francese di dubbio gusto e inaccettabile. Comprendo la satira e capisco tutto, ma prendersi gioco degli italiani in questo modo, con l’emergenza del Coronavirus che stiamo affrontando è profondamente irrispettoso. Come ministero degli Esteri abbiamo immediatamente attivato la nostra ambasciata a Parigi. Esigiamo rispetto, soprattutto in una situazione delicata come questa”. E’ il post su Fb del ministro degli Esteri Luigi Di Maio riferito al video satirico di Canal+.

13.21 – Conte vede alle 18.30 i capidelegazione, poi le opposizioni – E’ previsto per le 18.30 un vertice a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e i capidelegazione al governo dei partiti di maggioranza. A questo vertice seguirà alle 20.30 l’incontro tra il presidente del Consiglio e i capigruppo di maggioranza ed opposizione.

13.06 – Liguria, Toti: “Lunedì prossimo potrebbero riaprire scuole” – “Da una prima ricognizione la Giunta sarebbe orientata a proseguire il fermo didattico delle scuole in tutta la Liguria fino a lunedì prossimo. La decisione definitiva sarà presa oggi pomeriggio”. Lo ha detto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti stamani relazionando in Consiglio regionale sull’epidemia di coronavirus.

12.58 – Allo Spallanzani 11 ricoverati, compresa coppia cinese – In questo momento allo Spallanzani sono ricoverati 11 casi positivi al Coronavirus, compresa la coppia cinese ormai negativizzata. E’ quanto emerge dal bollettino medico di oggi. “Tutti i ricoverati sono in condizioni cliniche che non destano preoccupazioni ad eccezione di due che presentano una polmonite interstiziale bilaterale in terapia antivirale e che necessitano di supporto respiratorio”.

12.47 – In corso distribuzione mascherine negli ospedali – Sono già in distribuzione le 400mila mascherine con filtro di tipo Fp2 e Fp3 che sono state acquistate dal Sudafrica dalla Protezione Civile. Secondo quanto si apprende, in particolare questi dispositivi vengono consegnati al personale sanitario nei reparti dove ci sono persone positive al coronavirus in tutte le regioni in proporzione ai bisogni.

12.12 – Sileri: “Aspetterei a parlare di frenata dei contagi” – “Aspetterei a dire ‘frenatà dei contagi, è troppo presto per parlare di frenate. Se l’incubazione è fino a 14 giorni, dobbiamo aspettare per capire. Perché se in altre zone ci sono casi satellite, potrebbero dar luogo a altre ondate”. Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, a margine della presentazione dei dati 2019 del Centro Nazionale trapianti, commenta così il possibile calo dei contagi da coronavirus emerso ieri. “Essendoci un periodo di incubazione della malattia – ha aggiunto – dobbiamo aspettare per capire se vi sia effettivamente un calo. Per ora i focolai sono in Veneto e Lombardia e finché è così è abbastanza sotto controllo, perché hai un caso lo rintracci e metti in quarantena i contatti, fai il test su chi ha dei sintomi”.

11.54 – Marche, morto 60enne con patologia pregressa – È morto questa notte all’ospedale di Pesaro (Marche Nord) il secondo paziente contagiato dal Coronavirus. Si tratta di un uomo sessantenne con patologia pregressa. “Esprimo ai familiari delle vittime la mia vicinanza”, scrive il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli.

11.43 – Dipendente Rai è un giornalista – Il dipendente Rai risultato positivo al primo tampone, a quanto apprende l’Adnkronos, è un giornalista. Non manifesta alcuna infezione. E ora si attende l’esito del secondo tampone.

11.31 – Primo caso di positività in Rai – La Rai rende noto che è stato riscontrato un caso di positività al coronavirus tra i dipendenti dell’Azienda. Il dipendente è stato in trasferta in zona gialla e non ha avuto accesso ai presidi aziendali negli ultimi dieci giorni. Il dipendente è risultato positivo al primo tampone e si trova attualmente ricoverato all’ospedale Spallanzani in buone condizioni.

11.23 – Emilia-Romagna, positivo dipendente regionale e sindaco – L’agenzia Dire fa sapere che è risultato positivo al coronavirus un dipendente regionale e sindaco di Calendasco Filippo Zangrandi, che ieri ha annunciato l’auto-quarantena a causa del risultato positivo del tampone al quale è stato sottoposto.

11.01 – Veneto, positivi salgono a 307 – In Veneto i casi positivi di coronavirus sono saliti oggi a 307, 16 in più rispetto a ieri, 68 i pazienti ricoverati negli ospedali della regione, 18 dei quali in terapia intensiva. A Vò si sono registrati 88 casi, seguita da Treviso con 82. Lo rende noto il bollettino quotidiano della regione Veneto.

10.50 – Positivi due giudici del Tribunale di Milano – Due magistrati di Milano, uno della Sesta sezione civile e l’altro della sezione Misure di prevenzione, sono risultati positivi al Coronavirus e sono ora in isolamento. “Non stanno male”, ha precisato il presidente del Tribunale milanese Roberto Bichi, spiegando che ora stanno arrivando le squadre per sanificare gli ambienti da loro frequentati e che una trentina di persone, fra magistrati e personale amministrativo che hanno avuto contatti con loro, andrà in autoisolamento. Bisognerà poi monitorale eventuali altri contatti dei due magistrati.

10.45 – 71enne positivo scappa dall’ospedale e torna a casa: denunciato – Un settantunenne positivo al Coronavirus è scappato dall’ospedale Sant’Anna di Como ed è ritornato a casa in taxi nella provincia di Bergamo. Il tutto, riferiscono i media locali, è successo ieri mattina. L’uomo era stato trasferito dalla Bergamasca a Como ed era ricoverato in isolamento nel reparto di malattie infettive. Ma ormai si sentiva bene e quindi, dopo il controllo di primo mattino, ha preso le sue cose, chiamato un taxi ed è tornato a casa a Casnigo. Quando in ospedale si sono accorti della sua assenza, durante il giro di visite, hanno avvisato i carabinieri. I militari di Bergamo sono andati nella sua abitazione e lo hanno denunciato per inosservanza ai provvedimenti dell’autorità. Il tassista che, ignaro, lo ha accompagnato a casa ha deciso di mettersi in auto quarantena e sta valutando di denunciarlo.

10.40 – Altre tre persone contagiate in Trentino – Altri tre casi di contagio da Coronavirus sono stati rilevati in Trentino. Si tratta di persone anziane tutte legate alla donna di 83 anni di Trento, trovata positiva ieri al Covid-19 e ricoverata in ospedale. Lo ha reso noto il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, nel corso di un’informativa in Consiglio provinciale. Tutte e tre le persone sono anziane e collegate all’ambito sociale della donna trovata positiva. Tutti i nuovi contagiati, residenti a Trento, stanno bene e si trovano in quarantena nelle loro abitazioni.

10.15 – Iss: “Troppo presto per parlare di frenata dei casi in Italia” – Con 1835 casi positivi a ieri pomeriggio, 258 in più del giorno precedente “è troppo presto per parlare di una frenata dei contagi in Italia. Dobbiamo monitorare attentamente la situazione, ribadire che occorre mantenere le misure adottate” per frenare il nuovo coronavirus, “e valutare se estenderle ad altri focolai”. A dirlo all’Adnkronos Salute è Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità. “Preoccupano infatti alcuni comuni nella Bergamasca e nella provincia di Pesaro”, aggiunge l’esperto. Proprio l’Iss, insieme al dipartimento scientifico del Policlinico Militare Celio di Roma, ha sequenziato gli interi genomi del virus Sars-Cov-2 isolati dal paziente cinese allo Spallanzani e da un paziente lombardo. “Presto sarà disponibile anche la sequenza di un paziente veneto”, assicura Rezza. Il sequenziamento genomico di un virus nuovo ha implicazioni importanti. “Permette di conoscere l’intero codice genetico del virus e di seguirne i cambiamenti nel tempo e nello spazio. Ciò è utile per conoscere e seguire i focolai epidemici”, hanno spiegato dall’Istituto.

10.10 – Sale a tre il numero dei contagi in Molise – Sale a tre il numero dei contagiati da Coronavirus in Molise. Dopo il primo caso, una donna di Montenero di Bisaccia (Campobasso), accertato ieri pomeriggio all’ospedale Cardarelli di Campobasso, i tamponi effettuati sul marito e un altro familiare della paziente hanno dato esito positivo.

10.00 – Preparativi all’ospedale militare di Milano – Sono visibili dall’esterno dell’ospedale militare di Milano i preparativi per il previsto arrivo di una sessantina di malati di Coronavirus che vengono dimessi dall’ospedale ma hanno bisogno di qualche giorno di isolamento prima di tornare a casa. Nello storico ospedale militare nel quartiere di Baggio alla semiperiferia del capoluogo lombardo entrano ed escono mezzi dell’Esercito, dei carabinieri ma non si sono ancora viste ambulanze civili.

09.50 – Regione Lazio: “Nessun focolaio autoctono” – “Ad oggi non ci sono focolai nel territorio della Regione Lazio e non ci sono cittadini residenti a Roma positivi al Covid-10”. Lo ribadisce con una nota l’assessorato alla Sanità e all’Integrazione Socio Sanitaria della Regione Lazio.

09.40 – Caso di Pomezia collegato a un concerto al Forum di Assago – L’indagine epidemiologica effettuata sui casi di Pomezia, collegati all’agente di polizia ricoverato allo Spallanzani, “evidenzia un link epidemiologico con l’evento del 14 Febbraio al Forum di Assago. La sequenza temporale dell’esordio dei sintomi e l’analisi sierologica depongono per contatto non autoctono ma derivante dalla Lombardia”. Lo scrive sui social l’Assessorato alla Sanità e all’integrazione socio sanitaria della Regione Lazio. “Il contact racing nel quale vengono riportati nel dettaglio contatti, trasporti e soggiorni è stato immediatamente messo a disposizione del Ministero della Salute, come da protocollo”, conclude la nota.

09.30 – 58enne positivo, chiuse scuole in 4 paesi del Salento – I sindaci di Aradeo, Galatina e Nardò hanno disposto per oggi la chiusura delle scuole per garantire la sanificazione degli ambienti. Si tratta di un provvedimento che segue il caso di positività al Coronavirus accertato su un 58enne di Aradeo ricoverato presso l’ospedale di Galatina. Da quanto si apprende l’uomo avrebbe avuto contatti di lavoro in Lombardia, a Milano, da dove sarebbe tornato da poco. La chiusura delle scuole a Nardò deriva dal fatto che un famigliare del 58enne frequenta un istituto scolastico. Anche il sindaco di Galatone, comune confinante con Galatina e Aradeo, ha disposto la chiusura oggi e domani e la sanificazione delle scuole di ogni ordine e grado.

09.25 – Borse europee aprono in rialzo – Apertura in netto rialzo per i principali listini europei sulla scia sulla scia delle parole della presidente della Bce, Christine Lagarde, secondo cui Francoforte è pronta ad adottare “misure appropriate e mirate” per affrontare l’emergenza coronavirus. A Londra l’indice Ftse100 avanza dell’1,4% a 6.748,18 punti, a Parigi il Cac40 guadagna l’1,4% a 5.408,15 punti, a Madrid l’indice Ibex mette a segno un +1,41% a 8.865 punti e a Francoforte il Dax segna un rialzo dell’1,38% a 12.021,62 punti.

09.20 – Gallera: “Se limitiamo contagi sistema sanitario regge” – “Il virus è dotato di una grande contagiosità e se limitiamo la diffusione il sistema regge. E’ questo anche per il sacrificio di chi vive nella zona rossa ai quali va tutta la mia solidarietà e vicinanza”. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Regione Lombardia, Giulio Gallera, intervenendo a Mattino Cinque. “Il coronavirus costringe alcuni malati a stare anche tre settimane in terapia intensiva” ha aggiunto, e questo mette sotto stress il sistema che però, “regge grazie alla collaborazione tra ospedali pubblici e strutture accreditate”. “Stiamo eseguendo i tamponi in misura più selettiva – ha detto Gallera -, i risultati delle attività che abbiamo posto in essere si vedranno tra 7-10 giorni. Ad oggi i ricoveri in terapia intensiva aumentano e così anche quelli in reparto. Ma abbiamo anche un dato positivo, sono state dimesse 130 persone e due pazienti della zona rossa sono guariti”

09.15 – Docente positiva, chiusa scuola a Torre del Greco – Un’insegnante dell’istituto comprensivo Don Bosco-D’Assisi di Torre del Greco (Napoli) è risultata positiva al tampone sul Coronavirus e il sindaco ha chiuso la scuola. Dopo un incontro avvenuto nella sede centrale dell’istituto di viale generale Carlo Alberto Dalla Chiesa con l’assessore alla Pubblica istruzione Enrico Pensati e la dirigente scolastica Rosanna Ammirati a seguito della notizia che una docente residente a Striano sarebbe risultata positiva ai test effettuati al Cotugno, il primo cittadino Giovanni Palomba ha deciso di sospendere le attività didattiche nei due plessi di riferimento. “Si comunica – scrive il sindaco di Torre del Greco sulla sua pagina Facebook – che a scopo precauzionale, a seguito di sospetto caso di Covid-19, l’istituto comprensivo Don Bosco-D’Assisi resterà chiuso dal 3 marzo al 6 marzo 2020”.

09.10 – Boccia: “Agire su infrastrutture e credito per superare emergenza” – Sblocco delle infrastrutture in chiave italiana ed europea finanziandole con eurobond e attivazione di una ‘questione credito’ in modo da accompagnare le imprese in questa fase di transizione potenziando il Fondo di Garanzia. Sono queste le misure di cui l’Italia ha bisogno nell’immediato secondo il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, per fare fronte all’emergenza economica creata dal coronavirus. Intervistato a Radio 24, Boccia ha sottolineato come l’epidemia creerà un calo della domanda privata che deve essere compensata da una domanda pubblica in settori come le infrastrutture. “Bisogna agire in chiave straordinaria – ha detto Boccia – e questa compensazione deve essere immediata”.

08.55 – Gallera: “Stiamo liberando 250 posti in terapia intensiva” – La Regione Lombardia sta recuperando posti in terapia intensiva da dedicare ai pazienti di coronavirus: ieri erano 240 a cui se ne sono aggiunto una cinquantina messi a disposizione dalla sanità privata e oggi con il recupero anche dei blocchi di chirurgia “saremo circa a 250”: così ha spiegato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera ad Agorà. Gallera ha ribadito che “il vero punto debole è la terapia intensiva e per questo ma Regione ha stanziato 40 milioni per l’acquisto di respiratori mobili, i cosiddetti CPAP.

08.50 – Primo caso sospetto positivo a Prato – Primo caso sospetto positivo di coronavirus a Prato, in attesa della validazione dell’Istituto superiore di sanità. La conferma della positività al tampone per la ricerca del Covid-19 è arrivata nella tarda serata di ieri dall’ospedale fiorentino di Careggi a cui erano stati inviati i campioni. Secondo quanto spiegato, si tratta di una giovane donna italiana, residente a Firenze, rientrata in Toscana dopo alcuni giorni trascorsi a Bergamo. La donna era andata a Prato a trovare la mamma. In casa della madre avrebbe avvertito i primi sintomi. Così è andata all’ospedale Santo Stefano di Prato dove è stato effettuato il tampone. Adesso è ricoverata nel reparto di malattie infettive dell’ospedale pratese: le sue condizioni generali di salute sono definite buone. Con questo salgono a 14 i casi in Toscana, di cui cinque validati dall’Iss, gli altri in attesa.

08.40 – Papa Francesco negativo al coronavirus – “Papa Francesco colpito dal raffreddore si sarebbe sottoposto per precauzione al tampone, risultato ovviamente negativo. ‘È solo una lieve indisposizionè”. Lo scrive il quotidiano Il Messaggero, che descrive un Vaticano al momento “desolatamente vuoto e orfano delle folle compatte di turisti”. “Quando mercoledì sera Papa Francesco ha fatto ritorno a Santa Marta dopo una intera giornata trascorsa al vento di tramontana di piazza San Pietro e alla processione dell’Aventino, ha cominciato ad accusare i classici sintomi del raffreddamento. – si legge sul quotidiano – Tosse qualche linea di febbre, ma di gola, brividi. I suoi medici sono immediatamente intervenuti per i controlli del caso. Naturalmente gli è stato fatto anche il tampone per vedere se fosse coronavirus ma l’esito è stato fortunatamente negativo, così il Papa ha continuato la sua attività alleggerendola di parecchio, lasciandosi solo gli incontri mattutini a Santa Marta. Ha dovuto però rinunciare anche alla settimana ad Ariccia, alla casa del Divin Maestro, dove per sette giorni tutta la curia è in ritiro spirituale”.

08.35 – Riaprono le scuole in Sicilia – Hanno riaperto le porte questa mattina le scuole della Sicilia. Dopo la chiusura disposta dal Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, per evitare eventuali contagi da Coronavirus. La scorsa settimana erano state chiuse le scuole di ogni ordine e grado.

08.30 – Di Maio: “No a blocchi contro gli italiani” – “Irrita” sapere che per l’emergenza coronavirus alcuni Paesi stanno bloccando cittadini italiani all’estero senza alcun criterio. E di fronte a “forzature o blocchi insensati” l’Italia risponderà: “È un Paese che esige e merita rispetto, così come ogni singolo italiano”. Lo assicura il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in un’intervista alla Stampa. E chiarisce che alla Farnesina ci si è già attivati per far ritirare blocchi che si ritengano ingiustificati e che si è chiesto di discutere il tema delle chiusure verso l’Italia anche al prossimo Consiglio Affari Esteri.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – I contagiati sono 2040: “Fatti oltre 23mila tamponi”. Positivo l’assessore lombardo Mattinzoli. Gallera: “Ospedale di Crema sotto pressione, ma li stiamo aiutando”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Della Valle su La7: “Perché non si sono chiuse le Borse? Se dietro ci fosse qualche furbetto, sarebbe vergognoso”

next