Maurizio Crozza, nella prima puntata della nuova stagione di Fratelli di Crozza , in onda il venerdì in prima serata sul Nove, veste per la prima volta i panni di Vito Crimi. Ritratto come un cartone animato, precisamente i Simpson, Crimi (alias Crozza) afferma candidamente di non sapere nulla sulle scelte politiche del Movimento 5 Stelle. L’unica certezza del capo politico del M5S resta: “Io di mio direi che è arrivato il tempo di “arare”. Bisogna tornare ad “arare” prima “seminare” e poi “arare”. Interrogato sul destino del Movimento poi conclude: “Io sono come loro. Viviamo in un enorme film porno: ci infiliamo nel primo buco che troviamo. Per fortuna ho un altro lavoro…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amici 19, la gara con la la nuova formula perde appeal: i cantanti sottotono non hanno brillato, Martina e Francesco eliminati, Javier penalizzato dalle coreografie

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il monologo di Crozza: “È la prima volta che parlo a 500 seggiolini vuoti. Ed è anche la prima volta che siamo leader in Europa…”

next