Diciamo le cose come stanno: più che influenzati siamo tutti influenzabili. Basta un messaggio ripetuto con enfasi e che magari solletichi le nostre paure o ossessioni per essere influenzati e di conseguenza manipolati. Non parlo del coronavirus ma dei messaggi in generale che vengono veicolati tramite social media e organi di stampa/tv: basta vedere come un argomento o notizia diventa appunto “virale”. Non a caso si usa lo stesso termine per indicare il sistema di contagio veloce tra le persone, un contagio diciamo fisico e un contagio “mentale”.

Quello che sta accadendo in questi giorni ci fa capire quanto siamo deboli e manovrabili: sono bastate poche persone contagiate e l’enorme clamore mediatico a far scatenare il panico anche istituzionale con provvedimenti forse esagerati. Di qui la corsa alle farmacie e ai supermarket.

Certo, bisogna essere prudenti ma basterebbe vedere come la questione è stata trattata dalle altre nazioni per capire che forse si è esagerato. Si è addirittura arrivati ad una “maratona” Mentana per segnalare il crescere dei numeri dei contagiati. Neanche fossimo in guerra. Insomma, giuste le dovute precauzioni ma esagerati i toni e le reazioni; il tutto con conseguenze preoccupanti su economia e rapporti con altri Stati. Non a caso alcuni governi stanno chiudendo i porti e gli aeroporti agli italiani, con buona pace – e con un paradosso estremo – dello sciacallaggio politico Salvini.

In tutto questo marasma alcune cose dovrebbero far riflettere.

In primis la facilità con cui la maggior parte della popolazione viene influenzata psicologicamente e non tanto “fisicamente”. Basterebbe ricordare quando i grillini e i leghisti sollevarono le crociate contro i vaccini obbligatori per i bambini. Una lotta contro la scienza e contro la competenza scientifica. Sdoganarono l’incompetenza e la saccenza mista ad ignoranza, il tutto con il supporto mediatico di alcuni giornali e tv consenzienti: oggi queste teorie sarebbero perseguite da tutti. Questo il problema: la facilità di condizionare i pensieri e i comportamenti. E qui che la politica dovrebbe intervenire con competenza e incisività.

Un esempio di assoluta negligenza è attribuibile al governatore della Lombardia, Attilio Fontana. Presentarsi in video con una mascherina dentro una stanza chiusa è istituzionalmente e tecnicamente ridicolo e immotivato. Sono questi gli atteggiamenti politicamente inopportuni.

A questo quadro si deve aggiungere la poca attenzione alla corretta informazione, il tutto alla spasmodica ricerca della notizia esasperata. Titoli catastrofisti e annunci di persone morte senza nessun reale riscontro con la patologia esclusiva del contagio da coronavirus.

Da quello che sta accadendo dovremmo dunque trarre spunto e riflessione: facciamoci contagiare dalla competenza, dalla cultura, dal rispetto, dalla civiltà, dalla scienza e dalla umanità. Solo così potremmo essere veramente consapevoli e liberi. Solo così potremmo guarire dal virus più potente al mondo: l’ignoranza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, metti un’ordinaria mattinata a Roma durante l’emergenza

next
Articolo Successivo

Un esperimento di fantapolitica: il Truman Show Coronavirus

next