È stato indicato come il ‘paziente zero’, cioè l’uomo da cui è partito il contagio che ha infettato il 38enne di Codogno, ricoverato in gravi condizioni, poi sua moglie incinta e altre 4 persone. È un manager di 28 anni che lavora alla Mae di Fiorenzuola d’Arda, in provincia di Piacenza. “Dicono che sono il paziente zero, ma non mi trovano niente. Non è detto che, perché sono stato in Cina, devo aver preso io il coronavirus”, ha detto parlando con Milanotoday.

Il ragazzo infatti è stato trovato negativo al test, il che significa due cose: o non è lui il portatore o ha avuto il virus, è guarito e ha sviluppato degli anticorpi. “Con M. – prosegue riferendosi al ‘paziente uno’ – abbiamo fatto due cene e abbiamo preso una birretta – ha spiegato l’uomo – ma sono sempre stato bene, solo un accenno di raffreddore che non è sfociato in influenza. Fino a ieri sera alle 11 mangiavo e bevevo, non sapevo niente di questo virus”. È stato proprio l’amico 38enne a dare ai medici il nome e il numero di telefono del manager: “Nella notte sono venuti a prelevarmi e mi hanno portato al Sacco”.

Il test, a cui è stato subito sottoposto, è risultato negativo. “Come me lo spiego? Non mi spiego niente – dice ancora – Parlo con i medici per telefono, ma ho più notizie dalla televisione”. “Il mio stato d’animo? C’è un mio amico che rischia di morire”, dice il manager, preoccupato anche per i famigliari. “Voglio sapere il responso del tampone sui miei genitori”. L’esame è stato fatto anche dalle due sorelle e dal nipote.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, atterrati a Roma i 19 italiani della nave Diamond Princess: trasferiti alla Cecchignola per la quarantena

next