C’è il primo morto per Coronavirus in Italia. Si chiama Adriano Trevisan ed è deceduto a 78 anni nell’ospedale di Schiavonia, in provincia di Padova. Era uno dei due risultati positivi al test in Veneto nelle scorse ore ed era ricoverato da una decina di giorni per altre patologie: il secondo paziente, di 67 anni, è ancora in cura nella stessa struttura. In Italia, al momento, ci sono quindici casi di contagio accertati in Lombardia. Nella mattinata del 21 febbraio, a Codogno nel Lodigiano, è stato confermato il primo paziente italiano che ha contratto il virus senza essere stato in Cina: si tratta di un 38enne ricoverato in gravi condizioni. Si ipotizza che il contagio sia avvenuto a gennaio scorso, in seguito ai contatti con un amico manager di ritorno dalla Cina. Risultano contagiati anche la moglie, incinta al settimo mese, un amico – figlio del titolare di un bar – e tre clienti del bar stesso. In attesa di test il medico di base che lo ha visitato: ha la polmonite. Anche cinque sanitari sono al momento tra i positivi.

Per fare fronte all’emergenza la Difesa ha individuato le strutture militari – dell’esercito e dell’aeronautica – in Emilia Romagna e Lombardia che ospiteranno – così come accaduto al centro militare della Cecchignola – circa 200 persone che andranno in quarantena dopo la vicenda dei nuovi casi. Una con oltre 130 posti a Piacenza, l’altra con 50-60 posti a Milano. Predisposta “un’ordinanza con misure precise per l’area in cui si muovono le persone individuate oggi come positive e relativa a 10 comuni: Codogno, Castiglione, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini e San Fiorano”. L’ordinanza coinvolge circa 50mila persone.

In molti dei Comuni citati resteranno chiusi scuole, bar e uffici, e sono state annullate feste di Carnevale e cerimonie religiose. Scuole chiuse sabato 23 febbraio anche a Piacenza e provincia, mentre Zaia ha annunciato che sarà effettuato il tampone a tutti i cittadini di e operatori sanitari dell’ospedale di Schiavonia: in tutto 4200 persone. Sono i 3.300 abitanti del Comune padovano, i 300 familiari e conoscenti dei due contagiati e 600 operatori dell’ospedale.

I contagiati in LombardiaIl ‘paziente uno’ è un 38enne italiano originario di Castiglione d’Adda che abita a Codogno, nel Lodigiano, e lavora alla Unilever di Casalpusterlengo. Le autorità sanitarie stanno cercando di ricostruire tutti i suoi spostamenti degli ultimi giorni. Su chi lo abbia contagiato, c’è un ipotesi: aveva infatti incontrato diverse volte tra l’1 e l’8 febbraio un 28enne che lavora per la Mae di Fiorenzuola d’Arda (in provincia di Piacenza), rientrato dalla Cina il 21 gennaio e che proprio in quei giorni accusava sintomi influenzali. È stato trovato negativo al test sul Coronavirus, il che può significare solo due cose: o non è lui il portatore o ha avuto il virus, è guarito e ha sviluppato degli anticorpi. Lo diranno i risultati degli esami del sangue in corso allo Spallanzani.

Ecco chi sono le altre cinque persone contagiate: una è la moglie incinta (è alla fine del sesto mese), che è un’insegnante già in congedo ed è in buone condizioni. È ricoverata all’Ospedale Sacco di Milano, dove la Regione spera di potere trasferire presto tutte le persone infettate. Un altro è un amico che si è presentato spontaneamente in un ospedale con sintomi di polmonite: “Condivideva l’attività sportiva con il primo paziente” (anche lui si trova al Sacco).

Poi, ci sono altre tre persone con la polmonite ricoverate sempre all’ospedale di Codogno. Gallera ha specificato che hanno “tra 70 e 80 anni e tutti frequentavano lo stesso bar, molto frequentato dal padre del podista”, cioè dell’amico del “paziente uno”. I quattro – podista incluso – sono di Castiglione d’Adda. Si sono presentati in ospedale “con un quadro clinico di polmonite importante”, ha spiegato Maria Gramegna della direzione generale Welfare della Lombardia. Da aggiungere anche che sono in corso test per il nuovo coronavirus anche su un medico di base che lunedì ha visitato a domicilio il 38enne: è ricoverato all’ospedale Sacco di Milano con un quadro di polmonite. Quanto agli altri otto casi riferiti da Gallera nel pomeriggio, si tratta di 5 operatori sanitari (medici e infermieri) e tre pazienti. È risultata invece negativa al test la donna sintomatica collega del 38enne, che era stata ricoverata in isolamento nel reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale di Piacenza. Il tampone, analizzato presso il laboratorio di riferimento regionale del Sant’Orsola di Bologna, ha confermato infatti che non ha contratto il virus. A seguito dei casi in Lombardia, un’ordinanza del ministero della Salute ha disposto oggi l’obbligo di quarantena “fiduciaria” domiciliare per chi torna da un viaggio in Cina negli ultimi 14 giorni e “sorveglianza attiva” per chi è stato nelle aree a rischio, cioè nel paese asiatico così come indicato dall’Oms, con obbligo di segnalazione alle autorità sanitarie locali al proprio rientro in Italia.

Il “paziente uno”: il 38enne di Codogno – Ha avuto i primi sintomi il 15 febbraio e si è presentato al pronto soccorso la prima volta il 18, quando è stato rimandato a casa. Poi è tornato il giorno successivo per l’aggravarsi delle sue condizioni. A quel punto, la moglie ha comunicato che il marito aveva cenato con un amico che tornava dalla Cina all’inizio di febbraio: l’uomo è stato trovato negativo al test sul coronavirus, ma sarà sottoposto a ulteriori verifiche. Essendo passate circa due settimane tra il possibile contagio e il manifestarsi della malattia, sono molte le persone che sono entrate in contatto con il paziente uno: “A oggi abbiamo un numero cospicuo di persone su cui stiamo intervenendo, sono circa 250 le persone in isolamento a cui faremo il tampone“, ha spiegato sempre l’assessore Gallera. “Oggi abbiamo 149 persone, tra infermieri e altre persone che sono state in contatto con il primo paziente, a cui faremo” i test. Tra le 250 persone ci sono 149 infermieri, medici, familiari e persone entrate in contatto diretto con il 38enne ricoverato a Codogno. A questi si aggiungono “coloro che lavorano nella sua azienda a cui andremo a fare un tampone, non tutti però. Solo chi ha avuto contatti molto ravvicinanti“: in tutto 120. Il 38enne si trova tuttora ricoverato in terapia intensiva in prognosi riservata, con insufficienza respiratoria, e le sue condizioni sono ritenute molto gravi. Al momento non può essere trasferito all’Ospedale Sacco di Milano, punto di riferimento regionale per le bioemergenze, dove già si trovano “in isolamento” la moglie e l’amico con cui è stato a cena a inizio febbraio.

I due casi in Veneto – Sono due pensionati di 78 e 67 anni di Vò Euganeo, un piccolo paese ai piedi dei Colli Euganei (Padova), le due persone risultate positive in Veneto ai primi test sul coronavirus. Il primo è morto nella tarda serata del 21 febbraio. I due, che hanno in comune la frequentazione di due locali pubblici a Vò Euganeo, vivono entrambi con familiari: hanno avuto contatti ‘in loco’ e non sono andati in Cina. Sono stati trasferiti dall’ospedale di Schiavonia. A Schiavonia “andiamo gradualmente a svuotare l’ospedale, in maniera tale da sanificare il tutto”, ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia. Per quanto riguarda Vò Euganeo, dove i due risiedono “anche lì i luoghi frequentati dai due signori verranno chiusi e stiamo ricostruendo tutte le relazioni sociali e i contatti che questi signori hanno avuto, per fare i tamponi e verificare se ci sono soggetti positivi”. Zaia ha aggiunto che “stiamo aspettando le controanalisi dallo Spallanzani, i dati ci dicono che le positività dal Veneto ci sono. Ora andremo avanti coi tamponi anche per tutti i dipendenti dell’ospedale, i pazienti erano all’ospedale di Schiavonia e uno dei due c’è rimasto una decina di giorni. Bisogna capire da dove arriva questo contagio secondario – ha aggiunto -, perché è partito da una persona che ha contagiato. Non è assolutamente una vicenda da prendere sottogamba. Siamo molto preoccupati, anche perché questo virus è un virus maledetto, problematico, sorprende ora dopo ora. Le riviste scientifiche ci dicono che non vive solo su materiale biologico ma anche su superfici inerti“, ha sottolineato.

L’ospedale di Codogno

La quarantena obbligatoria – Il premier Giuseppe Conte ha annunciato la quarantena obbligatoria per chi è venuto in contatto con il 38enne ma ha chiesto di evitare “allarmismo sociale e panico”. Il ministero della Salute guidato da Roberto Speranza ha emanato una nuova ordinanza che intensifica i controlli. Al momento le autorità sanitarie stanno ricostruendo gli spostamenti del 38enne: tre interi paesi, Codogno, Castiglione d’Adda e Casalpusterlengo, sono stati messi “in quarantena” dalla Regione Lombardia: “I cittadini stiano a casa”.

CRONACA ORA PER ORA (AGGIORNATO FINO ALLE 00.30)

00.12 – L’uomo morto era stato ricoverato all’ospedale di Schiavonia di Monselice
L’uomo morto a Padova era stato ricoverato all’ospedale Schiavonia di Monselice. Il governatore del Veneto Luca Zaia ha disposto lo svuotamento del nosocomio, dove era stato ricoverato anche un altro anziano risultato positivo a Coronavirus.

23.40 – Morto uno dei due contagiati in Veneto: si chiamava Adriano Trevisan
Un uomo di 77 anni di Monselice, provincia di Padova, è morto questa sera, dopo essere stato contagiato dal nuovo coronavirus. Lo riporta il Gazzettino Veneto. Si chiamava Adriano Trevisan, ex titolare di una piccola impresa edile, Trevisan aveva tre figli, una delle quali, Vanessa, era stata sindaca di Vo’.

22.52 – Conte al al Comitato operativo della Protezione Civile
Presenti i ministri Speranza e Di Maio e il capo della Protezione civile Borrelli.

22.39 – Treni bloccati per alcuni casi sospetti
In serata, sono stati almeno tre i casi di treni bloccati a causa di sospetti da coronavirus. Il treno Italo che sarebbe dovuto partire alle 20.30 da Milano Centrale e arrivare a Torino alle 21.40 ha ritardato la partenza: sanitari sono saliti a bordo e hanno fatto scendere un caso ritenuto sospetto (a fianco il treno fermo sui binari). Il Tgr Rai ha dato invece notizia di un treno partito da Roma alle 16:40 e diretto a Milano in cui “un passeggero sulla carrozza 11 ha corso gara con il paziente zero, in Lombardia”. Era fermo fuori la stazione di San Ruffillo Bologna. Anche il treno Roma-Lecce intorno alle 22.13 si è fermato per controlli della polizia e sanitari su un passeggero.

21.51 – “70 dipendenti Mae potenzialmente a rischio”
“La sanità pubblica regionale, in via precauzionale, ha già contattato 70 dipendenti della Mae spa (l’azienda del presunto ‘paziente zero’) per i quali è ritenuta necessaria un’ulteriore verifica perché valutati potenzialmente a rischio”. Lo ha reso noto la Regione Emilia Romagna in una nota.

21.43 – Salgono a 15 i contagiati nel Lodigiano
A quanto si apprende, salgono a quindici i casi positivi al nuovo coronavirus nel Lodigiano. Il nuovo paziente sarebbe una persona della zona, della quale sono ancora da ricostruire gli eventuali collegamenti con gli altri contagiati.

21.13 – A Vò Euganeo sospese tutte le manifestazioni pubbliche
Nel Comune di Vò Euganeo, luogo d’origine dei due contagiati da Coronavirus in Veneto, è stata decisa la sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche, delle attività commerciali e lavorative, sportive, ludiche e la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Vietate anche le fermate dei mezzi pubblici e deciso l’avvio dello screening a tutta la popolazione. Lo ha deciso la task force riunitasi a Padova. Per i contatti stretti e familiari dei due casi conclamati è avviato un controllo approfondito a malattie infettive con test e esami e in isolamento fiduciario con sorveglianza attiva: saranno contattati due volte al giorno dal personale medico.

21.02 – Trenord, da domani i treni non fermano a Codogno, Maleo e Casalpusterlengo
Trenord ha disposto la chiusura delle stazioni di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo in ottemperanza all’ordinanza delle Regione Lombardia sul Coronavirus. A seguito del provvedimento i treni della Milano-Piacenza non effettueranno le 3 fermate e risultano sospesi i servizi ferroviari tra Pavia e Codogno e tra Cremona e Codogno. Il provvedimento è attivo da domani fino a nuova disposizione e sul sito di Trenord si trovano tutti gli aggiornamenti.

20.21 – Ferme le attività di Unilever
Le attività del centro di ricerca della multinazionale Unilever a Casalpusterlengo (Lodi), dove lavora il 38enne ricoverato a Codogno contagiato dal coronavirus, sono ferme per effettuare i test necessari e in attesa delle indicazioni delle autorità sanitarie.

20.03 – Rinviate gare di pallavolo di serie B
La Federazione Italiana Pallavolo, visto l’evolversi della situazione contingente al Coronavirus in alcune zone italiane determina la sospensione dei Campionati Nazionali di Serie B Maschile – gironi A, B, Serie B1 Femminile – gironi A e B, Serie B2 Femminile – gironi B, C, della giornata in programma questo fine settimana. La FIPAV – informa una nota – invita inoltre i Comitati Regionali e Territoriali di Lombardia ed Emilia Romagna (in modo particolare dei territori Cremona, Lodi, Piacenza), così come le Leghe di Serie A Maschile e Femminile di voler prendere analoghi provvedimenti, a salvaguardia della salute comune. La Federazione si riserva di prendere ulteriori provvedimenti e di dare ulteriori comunicazioni nel corso delle prossime ore.

19.57 – Zaia: “Screeing su tutti i cittadini di Vò”
“In questa fase prudenziale chiedo di evitare i centri di aggregazione e i luoghi affollati. Stiamo predisponendo un presidio, molto probabilmente nelle scuole visto che saranno chiuse, per tutti i cittadini di Vò Euganeo, in modo tale da procedere e identificare eventuali altri casi positivi. Ho chiesto anche di fare un tampone a tutti i ricoverati con sintomi influenzali gravi”.

19.41 – Domani scuole chiuse a Piacenza e provincia
Lo ha deciso il Comune, insieme all’annullamento di quasi tutte le manifestazioni culturali e non solo. Intanto il dipartimento della Protezione civile ha individuato nell’aeroporto militare di San Damiano, in provincia di Piacenza nel comune di San Giorgio, la struttura in cui ricoverare, in caso di necessità, le persone che verranno sottoposte a quarantena. (ANSA).

19.07 – Francia e Germania in Paesi in Ue con più contagi
In Francia e Germania, stando ai dati dei ministeri della Salute e dell’Oms, si era registrato finora il maggior numero di contagi da coronavirus in Europa. In Germania, ad oggi, ne sono stati accertati 16. In 14 casi l’infezione è stata contratta sul territorio nazionale (in Baviera, in particolare), 2 contagiati invece provenivano dalla Cina. Alcuni di loro, almeno 5, sono guariti. In Francia si è arrivati a 12 contagi accertati, 5 provenienti dalla Cina, 7 che si sono sviluppati nel Paese. A Parigi si è registrato anche un morto, l’unico in Europa fino a questo momento: un cittadino cinese di 80 anni. Gli altri 10 pazienti nel frattempo sono guariti. Resta in ospedale a Lione un cittadino britannico.

18.48 – Ambulanza partita dal Sacco per recuperare 38enne
Un’ambulanza è partita alle 18.30 dall’ospedale Sacco di Milano. A bordo tre operatori, due medici e un rianimatore. Sono diretti a Lodi da dove – a quanto apprende l’Adnkronos Salute – dovrebbero recuperare il 38enne in Terapia intensiva, per trasferirlo nel capoluogo lombardo.

18.27 – Gallera: “120 tamponi ai dipendenti dell’Unilever”
“La prima unità mobile si è recata all’Unilever di Casalpusterlengo e ha fatto i tamponi a 120 persone che lavorano nell’area ricerca e sviluppo dell’azienda”.

18.25 – Rezza: “Attesi altri casi”
“Ci aspettiamo in Italia altri casi da nuovo coronavirus, non lo si può negare: nessuno può escludere che nuovi casi possano verificarsi anche in altre zone. La priorità è individuare subito i focolai”. Lo afferma all’Ansa il direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità, Gianni Rezza, dopo la rilevazione di casi da Sars-CoV-2 a trasmissione secondaria (ovvero a trasmissione locale perché in soggetti non provenienti direttamente dalla Cina) in Lombardia.

18.24 – Speranza: “Circoscrivere l’area. L’Italia è pronta”
Abbiamo preparato “un piano che ha chiaramente delle immediate scelte, che riguardano il territorio che è stato circoscritto, perché l’obiettivo essenziale è quello di circoscrivere quest’area, trattenerlo in una specifica area geografica”: è quanto ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza. “Ci sono già stati in Europa dei cluster, già visti in Germania e in Francia. L’Italia è pronta, avevamo preparato un piano perché era evidente che quanto accaduto poteva accadere. Ora si tratta di attuare il piano predisposto”, ha aggiunto.

18.12 – Gallera: “Altri 8 positivi: 5 sanitari e tre pazienti. Misure precise per 10 comuni”
“Rispetto ai tamponi compiuti in queste ore da un lato ci sono evidenze negative, ma dall’altro abbiamo individuato altre 8 positività di cui 5 operatori sanitari, infermieri e medici dell’ospedale di Codogno e tre pazienti”, ha detto l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera che ha annunciato anche un’ordinanza con misure precise destinate a una decina i Comuni, decisa da una cabina di regia presieduta dal governatore Attilio Fontana, dal ministro della Salute Roberto Speranza e il capo della protezione civile Borrelli. Tra i Comuni anche Somaglia e Castelgerundo.

18.13 – Due casi in Veneto
Altri due casi di coronavirus in Italia dopo i 6 in Lombardia: si tratta di due cittadini veneti che ai primi esami sono risultati positivi. I due sono già stati isolati in ospedale e si attendono ora gli esiti di un secondo test a cui sono stati sottoposti.

17.37 – Il 38enne aveva partecipato a due gare podistiche
Il 2 febbraio aveva preso parte a una gara podistica a Santa Margherita ligure e esattamente una settimana dopo, il 9 febbraio, aveva partecipato a un’altra gara a Sant’Angelo Lodigiano.

17.35 – Al Sacco di Milano 4 persone ricoverate
Sono 4 al momento, a quanto risulta, i pazienti ricoverati all’ospedale Sacco di Milano. Oltre alla moglie del 38enne in Terapia intensiva per coronavirus e alla persona rientrata dalla Cina con cui ha avuto ripetuti contatti, al momento negativa, ci sono il podista contatto stretto del 38enne (positivo) e il medico della coppia, per il quale non si conosce la positività o meno al patogeno. Altri 3 pazienti positivi sono in arrivo da Codogno. Rimarrà al momento nella struttura lodigiana solo il 38enne.

17.33 – Il “portatore” del coronavirus aveva influenza quando ha incontrato il 38enne
Secondo quanto si apprende, l’uomo ora ricoverato al Sacco e risultato negativo ai test è tornato in Italia con un volo della China Airlines il 21 gennaio. Tra il 1 e l’8 di febbraio avrebbe accusato i sintomi influenzali e in quel periodo avrebbe incontrato il 38enne di Codogno.

17.30 – Gli altri contagiati sono 3 clienti di un bar a Codogno e il figlio del titolare
Secondo quanto apprende l’Ansa il figlio del titolare aveva giocato a calcetto con il 38enne, mentre gli altri tre sono solo clienti del bar e non sarebbero mai entrati in contatto diretto con lui.

17.19 – Gallera: “Isolamento per 30mila persone in 9 Comuni”
“Stiamo preparando un’ordinanza che vieta ogni attività di aggregazione come il Carnevale, le messe, gli eventi sportivi, chiuderemo le attività commerciali e i negozi del luogo. Si tratta di 9 comuni per un totale di 30 mila persone”, ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera parlando a Sky Tg24. “Per una settimana le persone resteranno in casa, senza eventuali disagi dal punto di vista lavorativo, stiamo gestendo una situazione in divenire”.

17.19 – Medico di base del 38enne ricoverato al Sacco con la polmonite
Lo ha spiegato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera a Sky Tg24 che ha precisato come non si abbia ancora la conferma della positività al virus. vln

17.10 – Epidemiologo: “Tutti gli ospedali d’Italia si devono preparare”
“Tutti gli ospedali d’Italia devono approfittare di questo periodo per prepararsi a fronteggiare il nuovo coronavirus, non solo il Sacco e lo Spallanzani, che sono strutture perfettamente attrezzate”, ha detto Pierluigi Lopalco, professore ordinario di Igiene dell’Università di Pisa. “La situazione è da tenere strettamente sotto controllo”, aggiunge l’esperto. E restano ancora molte le cose da capire. “A partire dal paziente zero: dobbiamo ancora capire se è stato individuato, oppure no. Il contatto del malato ricoverato a Codogno, e rientrato dalla Cina, è risultato negativo al test: potrebbe essersi liberato del virus, e questo ce lo dirà l’eventuale presenza di anticorpi nel suo sangue. Altrimenti occorrerà cercare ancora. Per l’epidemiologo “al momento qualunque misura di restrizione che possa limitare la circolazione del virus è ottima. Dobbiamo approfittare per preparaci. E devono farlo – conclude – tutti gli ospedali d’Italia”.

16.06 – Test coronavirus sui dipendenti Unilever
Sono arrivati nella sede della Unilever di Casalpusterlengo i medici e il personale specializzato per effettuare i tamponi per verificare eventuali casi di contagio da coronavirus. Lo apprende l’Adnkronos. Nello stabilimento dell’azienda lavora il 38enne ricoverato a Codogno e colpito dal virus.

15.57 – I contagiati andranno al Sacco di Milano
A quanto si apprende, al momento all’ospedale Sacco di Milano restano ricoverati la moglie del 38enne in Terapia intensiva per coronavirus a Codogno e il ‘caso indice’ tornato dalla Cina e negativo al test, con cui il giovane ha avuto ripetuti contatti. Ma l’obiettivo è avere al Sacco, centro di riferimento nazionale insieme allo Spallanzani di Roma, tutti i 6 pazienti positivi. I trasferimenti da Codogno sarebbero quindi attesi nelle prossime ore, in base a quanto consentiranno le condizioni cliniche dei malati.

15.46 – Iss: “Confermato primo caso al Sacco di Milano”
E’ stato confermato dall’Istituto Superiore di Sanità “il primo caso risultato positivo all’Ospedale Sacco di Milano. Per la prima volta anche in Italia si sono verificati casi di trasmissione locale di infezione da nuovo coronavirus”. Si tratta del paziente uno, il 38enne ricoverato a Codogno.

15.51 – È possibile essere negativi al test dopo avere avuto un’infezione da coronavirus SarsCoV2
Lo rileva Giorgio Palù, ordinario di Microbiologia e Virologia dell’ Università di Padova, dopo il caso del dipendente della Mae di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza) attualmente isolato nell’ospedale Sacco di Milano, risultato negativo al tampone. Ci sono diversi motivi per i quali questo può accadere e al momento non ci sono elementi sufficienti per preferire un’ipotesi a un’altra, dice l’esperto.

15.21 – A Castiglione d’Adda domani chiusi uffici e biblioteca comunale

15.11 – Codogno, la decisione del sindaco: fino a domenica chiusi bar, scuole e locali
Esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di pubblico intrattenimento e i luoghi di ritrovo e assembramento al pubblico, come discoteche sale giochi, impianti sportivi utilizzati per manifestazioni pubbliche saranno chiusi almeno fino a domenica. Il sindaco ha ritenuto, si legge nell’ordinanza, di “dover tutelare la pubblica incolumità vietando temporaneamente e in via provvisoria e precauzionale” e almeno fino alla giornata di domenica 23 febbraio inclusa la chiusura di tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di pubblico intrattenimento e di assembramento.

15.01 – Lodigiano, non vengono segnalati altri dipendenti contagiati
Nella zona del lodigiano, oltre alla Unilever di Casalpusterlengo (Lodi) dove lavorava il 38enne, non vengono segnalate altre aziende con dipendenti contagiati dal coronavirus. Lo si apprende da fonti industriali e sindacali. Numerose sono le telefonate giunte ad Assolombarda da parte di imprenditori che chiedono informazioni sui comportamenti e sui provvedimenti da adottare in caso di lavoratori contagiati dal coronavirus. Assolombarda sta fornendo agli imprenditori una serie di informazioni ed un decalogo del comportamento da adottare, coerenti con quanto già diffuso dal Ministero della Salute e dalla Farnesina.

14.55 – All’ospedale Sacco vietato l’ingresso ai parenti
“È assolutamente vietato l’ingresso ai parenti”. È quanto segnala un cartello appeso alla porta di ingresso del Padiglione G 56 dell’Ospedale Sacco di Milano, dove sono ricoverati alcuni dei contagiati da Coronavirus in Lombardia. Il cartello, affisso alla porta con solo due pezzi scotch, non era presente questa mattina e infatti parenti e pazienti potevano accedere all’edificio liberamente.

14.43 – “L’allarme non è al livello massimo”
“Al momento non c’è motivo di elevare il livello di allarme in Italia al massimo. Il massimo livello è se si contano molti casi autoctoni in varie parti d’Italia, cioè servono focolai plurimi che si accendono contemporaneamente”, ha detto il presidente della Società Malattie infettive e tropicali, Marcello Tavio all’Ansa. “A quel punto non vale più il criterio epidemiologico di contatto con una persona che ha avuto o ha il virus o è stata in un paese ad alto rischio, perché chiunque potrebbe avere il virus, ma siamo ancora fuori da questo scenario”.

14.15 – Piano per evitare il contagio dei medici di famiglia
Il medico di famiglia che visita un paziente con sintomi sospetti da COVID-19 dovrà essere dotato di sistema di sicurezza: mascherine FPP2 e FPP3, tuta e occhiali (forniti dall’Asl) per evitare di diventare lui stesso soggetto contaminante. Nel caso in cui abbia visitato un paziente risultato poi positivo senza sistema di sicurezza, dovrà essere messo lui stesso il quarantena. A illustrare la dinamica da mettere in campo – già all’attenzione della task force del ministero – è Silvestro Scotti, segretario della Fimmg, Federazione Italiana Medici Di Medicina Generale.

(Ultimo aggiornamento alle ore 22.54 del 21 febbraio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it,
ABBIAMO BISOGNO DI TE

Su ilfattoquotidiano.it navighi gratis: ma il nostro lavoro ha un costo. E la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è bloccata, f atica a ripagarlo. Sostienici. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, infarto in classe: muore studentessa di 14 anni. Un altro caso a Trapani, un 19enne colpito da malore è deceduto in ospedale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 76 contagi e due morti. Decreto per impedire uscite da aree di focolaio. Conte: “Circa 50mila persone coinvolte, priorità tutela salute”. Stop gite scolastiche e gare di A in Lombardia e Veneto

next