“La cena risale a gennaio”. I genitori del 38enne, attualmente in gravi condizioni nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale di Codogno per Coronavirus, intervistati da Fanpage.it, hanno ricostruito gli ultimi giorni del figlio. E hanno rivelato che il primo incontro con il manager, che potrebbe, ma non è ancora stato accertato, aver contagiato il figlio, non risale ai primi di febbraio ma “a gennaio”.

Per quanto riguarda il decorso della malattia, i genitori hanno dichiarato: “Mercoledì non stava già bene, ma non era in Terapia intensiva, era in reparto. Domenica aveva la febbre, lunedì aveva la febbre. E’ stato ricoverato al pronto soccorso martedì mattina, poi è stato dimesso, ma quando è tornato a casa non è stato bene ed è tornato con la febbre a 40. È stato in Medicina per un giorno, poi si è aggravato ed è stato intubato”, ha detto la madre. “Lui dorme, è una cosa penosa – ha detto il padre a Fanpage.it – Noi l’abbiamo intravisto perché non si poteva. Hanno fatto un’eccezione per noi, il medico ci ha visto che eravamo distrutti e ci ha accontentati. Era meglio non vederlo. Noi stiamo bene, non abbiamo nessun sintomo. Ma non possiamo proprio dire che stiamo bene, è un’eresia”.

“Ci hanno detto di non uscire e di non fare entrare nessuno. Devono ancora venire, quando non lo so”, hanno detto i due. “Abbiamo dovuto fare i diavoli a quattro. Continuiamo a chiedere: ‘Ma venite o non venite?’. Pensavamo che la famiglia sarebbe stata avvisata più celermente, ma ci hanno spiegato che la questione è molto caotica”. I due poi hanno chiarito: “Ci lamentiamo perché siamo in queste condizioni: quello che ci manca è un po’ più di informazione, il resto è eccellente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, è morto il 78enne ricoverato nel Padovano. 15 contagiati in Lombardia, un altro in Veneto. Chiuse attività in 10 paesi, tampone a 4200 persone a Vò Euganeo – DIRETTA ORA PER ORA

next
Articolo Successivo

Coronavirus in Lombardia, il ministro Roberto Speranza: “Un piano per circoscrivere l’area”. Conte: “Non serve sospendere Schengen”

next