Non staremo zitte“. È questo lo slogan scandito dalle centinaia di donne che sono scese in piazza in questi giorni a Città del Messico per protestare contro l’ennesimo nuovo caso di femminicidio nel Paese, avvenuto il 14 febbraio. Una ragazza di 25 anni, Ingrid Escamilla, è stata ammazzata brutalmente dal compagno che poi ha telefonato alla ex per raccontarle quanto accaduto. L’uomo è stato arrestato e alla polizia ha confessato di aver ucciso la fidanzata a coltellate e di aver poi mutilato il suo corpo, gettandone alcune parti nel water, come riferisce la Cnn. Ma l’indignazione è aumentata quando i media locali hanno pubblicato le fotografie del cadavere della vittima, fatte trapelare da agenti della polizia, definendo l’omicidio “colpa di Cupido”.

Le manifestanti hanno letto una dichiarazione, in cui affermano: “Ci fa rabbia come Ingrid è stata uccisa e come i media hanno esposto il suo corpo. Ci fa rabbia che la gente ci giudichi dicendo ‘questo non è il modo giusto di esprimere la rabbia’. Non siamo pazze, siamo furiose”. Anche le autorità hanno preso posizione contro i media per la pubblicazione delle fotografie e hanno annunciato l’apertura di un fascicolo di indagine nei confronti di alcuni poliziotti che avrebbero ripreso la scena del crimine con i loro telefoni cellulari e poi offerto le immagini a tv e giornali che le hanno pubblicate. Il ministro dell’Interno ha fatto sapere di “condannare la pubblicazione e diffusione di questo materiale, dato che ri-vittimizza le persone e promuove il sensazionalismo e la curiosità morbosa. È un attacco alla dignità, privatezza e identità delle vittime e delle loro famiglie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, “il mio fidanzato ha la malattia”: chiama la polizia 16 volte si inventa il contagio per punire il fidanzato

next
Articolo Successivo

Follia in autostrada, camion sbaglia strada e fa inversione a U: 6 mesi di carcere e patente ritirata

next