Nuova espulsione nel Movimento 5 Stelle. Ad essere cacciato questa volta è stato l’assessore all’Innovazione del Comune di Pesaro, Francesca Frenquellucci, ex candidata pentastellata a primo cittadino della città, per aver accettato di fare parte delle Giunta guidata dal sindaco Pd, Matteo Ricci. “Ieri mi è arrivata una mail in cui il M5s mi comunica che sono espulsa – ha raccontato l’assessore – Non riesco a capire su che basi è stata presa la decisione, anche perché il link che ho inviato con la mia memoria difensiva non è stato nemmeno aperto”.

L’esponente pentastellata ha però fatto sapere che non ha alcuna intenzione di accettare la decisione dei vertici del Movimento: “Farò ricorso al comitato di garanzia, vorrei far valere le mie ragioni”, ha aggiunto. E rivendica il lavoro svolto all’interno della Giunta, sottolineando di aver portato ai tavoli dell’amministrazione “valori e ideali del M5s”: “In questi mesi – conclude Frenquellucci – abbiamo lavorato agli argomenti e portato a casa risultati per la città di Pesaro. Ho sempre pensato al bene comune, insieme agli altri consiglieri e agli attivisti che ci hanno seguito. Aggiungo che l’atto politico è stato fatto nel momento in cui ho accettato la delega e ho iniziato questa collaborazione con la maggioranza. Non capisco quindi perché vengo espulsa, ho portato avanti valori ed ideali del M5s”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi insiste: “Voglio vedere Conte”. Il premier: “La mia porta sempre aperta”. Patuanelli: “Se sfiduciano Bonafede? Cade il govero”

next
Articolo Successivo

Piemonte, 3° inciampo ‘nero’ nelle nomine della Regione in società pubbliche. Pd, Leu e M5s: “Rimozione o è connivenza neofascista”

next