In oltre 1200 sono sbarcati domenica 16 febbraio dalla nave Westerdam nel porto cambogiano di Sihanoukville, in Cambogia. E ora le autorità locali e l’armatore della nave da crociera americana si sono messi sulle tracce di chi era a bordo, dopo che un’anziana donna statunitense, scesa dalla nave, è risultata contagiata allo scalo malaysiano di Kuala Lumpur. In seguito, ai passeggeri e membri dell’equipaggio della nave non è più stato consentito di spostarsi: alcuni si trovano in hotel di Phnom Penh, altri ancora a bordo. Lo stesso viaggio dell’83enne, però, prima è stato intrapreso da centinaia di persone, nei giorni di venerdì e sabato. Secondo le autorità malesi, 143 persone sbarcate dalla MS Westerdam si sono mosse per tornare a casa, molte passando per il Paese e poi proseguendo verso altre nazioni.

Il fatto che si siano disperse nel mondo dopo essere state potenzialmente esposte al virus ha sollevato preoccupazione. Gli esperti ritengono che gli altri passeggeri della nave da crociera dovrebbero rispettare una quarantena in casa e allertare le autorità sanitarie, se sviluppano febbre o sintomi respiratori nei 14 giorni successivi allo sbarco. La compagnia che gestisce la nave, Holland America Line, ha fatto sapere che collabora con le autorità a livello internazionale e che i passeggeri tornati a casa saranno contattati dalle loro autorità sanitarie locali. L’operatore ha anche specificato che la donna statunitense risultata positiva in Malesia non era tra le 20 persone che a bordo avevano mostrato sintomi, risultando tutte negative. Gli altri passeggeri e membri dell’equipaggio erano stati controllati secondo le procedure standard.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, Di Maio dopo il Consiglio Ue dei ministri degli Esteri: “Trovato l’accordo per una missione che blocchi il flusso di armi”

next