Polemica chiusa, la quarta serata del festival, finora trionfale in termini di gradimento del pubblico, può cominciare. L’hashtag “#fatevenarisata” sancisce la pace tra Fiorello e Tiziano Ferro, in un post pubblicato contemporaneamente sui profili social dei due, con una foto che li ritrae alle prove abbracciati. Sembra così archiviata la tensione iniziata con la battuta fatta da Tiziano sul palco la sera di mercoledì, quando, esasperato per aver atteso fino all’1 di notte la seconda uscita, ha detto commentando l’orario: “Hashtag Fiorello statte zitto“. Giovedì sera, erano arrivate le scuse di Ferro. Ma alcune dichiarazioni di Fiorello a Selvaggia Lucarelli oggi rischiavano di alimentare di nuovo polemiche. Da qui la decisione dei due di dare un segno tangibile e inequivocabile del chiarimento avvenuto, prima con una foto pubblicata sui social e poi con un duetto in diretta nella quarta serata del Festival di Sanremo sulle note di “Finalmente tu”, conclusosi con un bacio in bocca dello showman al cantante. “Ciao Victor. C’è del bacismo”, ha scherzato Fiorello. “Ora devo divorziare”, ha commentato ironico Ferro.

Che cosa era successo – “Ama è l’una, volemo fa’ qualcosa domani? Hashtag #fiorellostattezitto”. Apriti cielo. L’hashtag, dopo la serata di mercoledì, è rimasto in tendenza per ore e c’è anche chi ha azzardato, come Il Corriere della sera che Fiorello non l’avrebbe presa bene, minacciando addirittura di lasciare il Festival. Da alcuni elementi raccolti da FqMagazine, le cose non sarebbero andate esattamente così. Fiorello dietro le quinte, mentre è successo il fattaccio, non l’avrebbe presa bene, ma tutto è rimasto tra le mura del backstage, senza nessuna altra polemica. Amadeus, in conferenza stampa, ha difeso l’amico parlando di “battuta infelice”. “Sui dissapori tra Fiorello e Tiziano Ferro, tutto falso, non è mai esistita alcuna polemica. È stata una battuta infelice fatta a notte tarda, poi l’artista si è scusato, ma ripeto non c’è stato altro. Quello che c’è qui è un clima di grande amicizia ed è bellissimo”, ha detto il conduttore.

La questione sembrava quindi archiviata, oltretutto contando che Tiziano Ferro già mercoledì si era scusato con lo showman siciliano prima sui social e poi con un biglietto scritto di suo pugno e lasciato nel suo camerino. Invece, nel pomeriggio di venerdì, il sito Tpi ha pubblicato un’intervista di Selvaggia Lucarelli in cui Fiorello sembra sfogare il suo disappunto per quanto accaduto: “Tiziano Ferro ha fatto una cosa che non si fa. Dopo che ha lanciato sul palco l’hashtag #fiorellostattezitto, ho ricevuto insulti tremendi per 24 ore. Ha fatto una cosa grave. Ha lanciato una campagna d’odio nei miei confronti, questo devi dirlo, non puoi ignorarlo”. Ora, dopo la foto della pace fatta, questa sera proprio sul palco dell’Ariston Fiorello e Tiziano Ferro dovrebbero duettare insieme sulle note di “Finalmente tu”, brano presentato dallo showman in gara nel 1995.

La lettera di scuse di Tiziano Ferro – “Caro Fiorello ti chiedo scusa se ti ho provocato un dispiacere. Sono lo stesso che a dicembre, nel tuo programma, si prendeva in giro cantando con le parole di ‘Me lo prendi papà’ su una mia canzone. E in quello spirito ho pensato fosse normale scherzare con te che sei il re dei comici. Sono rammaricato. Torno a fare il cantante #tizianostattezitto”. Queste parole erano trascritte su un biglietto che l’artista ha lasciato nel camerino di Fiorello: “Oggi Fiorello non c’era e quindi gliel’ho lasciato in camerino. Ma domani spero di dirglielo anche a voce. Ps. Scusa la scrittura ma in corsivo faccio ancora più schifo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Salvini, Tribunale di ministri chiede l’autorizzazione a procedere per caso Open Arms: “Non c’erano ragioni di sicurezza”

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, le pagelle della quarta serata: ecco quello che ci è piaciuto di più (ma non solo)

next