Un video per sensibilizzare contro gli episodi discriminatori e di intolleranza verso la comunità cinese che dall’inizio della diffusione del coronavirus sono successi in diverse città italiane. Circondato dai suoi studenti di origini cinesi, il rettore dell’Università per stranieri di Siena, Pietro Cataldi, ha registrato un messaggio: “Credo che in questi giorni più che mai sia un onore avere questi studenti cinesi come ospiti e poter esprimere a loro e alle loro famiglie la partecipazione dell’Italia al rischio che la Cina sta correndo. Per ora si tratta solo di un rischio perché le persone gravemente infette sono un numero esiguo: una ogni 100mila”. Il rettore, poi, parla di un virus “molto pericoloso”, quello “del razzismo e della discriminazione“. Infine, un appello all’umanità: “Non dimentichiamolo che in questo momento gli studenti cinesi presenti in Italia hanno la preoccupazione delle loro famiglie, di quello che rischia di succedere nel loro paese – dice Cataldi – Sarebbe veramente grave se l’amicizia, l’affetto reciproco che abbiamo con questo popolo, dimentichi il lato umano per lasciare spazio a una superstizione assolutamente una superstizione paragonabile a quella che avevano nel 600 raccontata da Manzoni nei Promessi sposi. Tutti l’abbiamo studiata a scuola, dovremmo sapere che la superstizione, pensiero antiscientifico, non porta altro che danni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ivrea, rimosso il Generale del Carnevale: è indagato per molestie a una vivandiera

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “a Frosinone nessuna sassaiola contro studenti cinesi”: denunciato il professore che l’aveva raccontato ai giornalisti

next