Si legge allo stesso modo sia da destra che da sinistra: la data di domenica, 02/02/2020, è una di quelle combinazioni che capita raramente e per questo suscita curiosità e scaramanzia. C’è chi dice che porti fortuna, chi che porti male. Di sicuro, è una casualità particolare, che non capitava da circa un millennio. Abbiamo vissuto date palindrome l’11 febbraio del 2011 e il 21 febbraio del 2012, ma questa è ancora più rara, per diversi motivi: innanzitutto, si ripetono solo due cifre per giorno mese e anno: lo zero e il due. Poi, è palindroma in tutti i Paesi del mondo, anche quelli che scrivono le date in modo diverso dal nostro, come Canada e Stati Uniti, che antepongono il mese al giorno: una casualità che non si verificava da circa un millennio. Non capitava da 900 anni una simile combinazione di numeri: l’ultima volta l’umanità era nel pieno Medioevo (non in senso figurato), precisamente l’11 novembre del 1111.

Per chi è appassionato di numerologia, il numero 2 simboleggia la coppia, l’armonia e l’equilibrio. Ci saranno altre 23 date palindrome in questo secolo e ce ne saranno 31 nel prossimo, dal 10.12.2101 al 29.12.2192. Poi bisognerà attendere il nuovo millennio e precisamente il 10.03.3001. Il prossimo “palindromo” speciale come quello di oggi sarà quello del 12 dicembre del 2121 (12/12/2121). Una data questa composta da due sole cifre, l’uno e il due che si ripetono con intervalli regolari, affascinante quanto quella del capodanno degli anni ’10 del secolo mille, un vero codice binario: 01/01/1010. I più giovani potranno assistere tra 72 anni ad un evento unico, la data palindroma bisestile: il 29 febbraio del 2092

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verissimo, Diana Del Bufalo rompe il silenzio: “Da Paolo Ruffini cinque anni di bugie. Ecco perché ci siamo lasciati”

next
Articolo Successivo

Francesca Schiavone, la sua lotta contro il tumore: “Mia mamma si è ammalata prima di me, lei mi ha dato coraggio”

next