“Non posso essere triste, non sono proprio un cesso. Con Paolo stavo troppo male”. Sabato pomeriggio Diana Del Bufalo, attrice e showgirl romana, è stata ospite di Silvia Toffanin a Verissimo e ha parlato apertamente della fine della sua storia d’amore con Paolo Ruffini, definitivamente chiusa dopo anni di tira e molla. I due attori, 41 anni lui e 29 lei, si frequentano ufficialmente dal 2015: la notizia della rottura è arrivata a metà dicembre, con un post su Instagram dell’attrice.

Per la prima volta Diana Del Bufalo parla apertamente dei suoi sentimenti: “Ora sono nella fase euforica. Ho passato la fase del dolore, anche se è importante viverlo. Ma a un certo punto il dolore basta, poi è masochismo. Stanotte non ho dormito, sapendo che dovevo dormire qui. Io sto da dio, perché ho fatto un corso terapeutico dalla psicologa” ha spiegato. Poi ha parlato dei motivi che l’hanno spinta a interrompere la relazione: ” Non potevo continuare a stare con lui per cose molto spiacevoli. Io non ho sbagliato niente, le cose gravi le ha commesse lui. Io stavo troppo male e ho deciso di chiudere”.

Non sono proprio un cesso” ha detto poi scherzando con la conduttrice: “Non posso permettermi di essere triste, ho dei genitori stupendi, faccio il lavoro dei miei sogni. Con Paolo Ruffini mi pare di aver vissuto quasi 5 anni di piccole menzogne”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Madonna, la popstar torna in tour e sciocca il pubblico: “Non sono mai stata con un uomo che ce lo aveva piccolo…”

next
Articolo Successivo

2 febbraio 2020, la data palindroma che non capitava da oltre 900 anni: ecco perché è speciale

next