Tra pochissimi giorni Francesca Sofia Novello salirà sul palco dell’Ariston al 70esimo Festival di Sanremo ma intanto, in un’intervista a Grazia, è tornata sulla polemica che l’ha vista protagonista per essere stata presentata da Amadeus come una che “sta un passo dietro al suo uomo”. L'”uomo” in questione è Valentino Rossi che, rivela la modella, “quando mi ha visto piangere, mi è stato vicino e mi ha ricordato chi fossi. Poi mi ha consigliato di ridimensionare tutto”.

Le polemiche dei giorni scorsi l’hanno fatta infatti soffrire molto: “Forse anche lui si sarebbe potuto preparare meglio, ma so che era in buona fede. Io un passo dietro al mio uomo? Mi comporto come una qualunque donna innamorata farebbe per sostenere il suo compagno. Siamo una coppia normale, ci diamo forza l’un l’altro – ha spiegato Francesca Sofia Novello -. Lui è un campione, è innegabile, e se scegli di stare vicino a un uomo così, devi assecondare i suoi ritmi. Quando ho accettato di partecipare al Festival era contento”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

WhatsApp, nel 2020 arrivano 117 nuove emoticons: c’è anche quella dedicata agli italiani

next
Articolo Successivo

“Ogni parola che sapevo”, Andrea Vianello racconta l’ictus in un libro: “Ho voluto dare voce a chi non ne ha. È un viaggio che si può affrontare”

next