La puntata di “Chi vuol essere milionario?” di stasera rischia di entrare nella storia. Il quiz di Gerry Scotti, nove anni dopo l’ultima volta, si aprirà con la domanda da un milione di euro. Chi vuol essere milionario, stavolta? Enrico Remigio, il concorrente che nella scorsa puntata ha risposto correttamente alle 14 domande che lo separano dal milione.

Trent’enne nato a Scafa, in provincia di Pescara, Enrico Remigio lavora a Singapore come sales manager per la filiale del sud-est asiatico della KTM, una casa motociclistica di origine austriaca. Una laurea all’Università Bocconi in Business Adminstration and Management, una specializzazione in Marketing Management, un passato in Cina e in Thailandia come produce manager. Dalla cultura generale alla musica, Enrico ha dimostrato di sapere (quasi) tutto. Solo un paio di errori durante le 14 domande, “superate” con l’aiuto di papà Sandro in una domanda a sfondo sportivo e con lo Switch in una sulla storia dell’arte. Ad accompagnarlo, nello studio, anche la mamma e un’amica. La sua compagna, francese, l’aspetta invece in Thailandia.

Stasera Enrico avrà due strade. La prima, quella di “lanciarsi” e provare a rispondere alla domanda. Se la risposta sarà corretta, vincerà il premio massimo. Se la risposta dovesse essere sbagliata, si dovrà accontentare di 70mila euro. La seconda strada sarà quella di non rispondere e “accontentarsi” di 300mila euro. Solo tre concorrenti sono riusciti a portarsi a casa la posta in palio massima. È successo nel 2001 con Francesca Cinelli che si portò a casa un miliardo di lire (oggi lavora nel settore dei libri in Mondadori), nel 2004 con Davide Pavesi (oggi di lui si sono perse le tracce) e nel 2011 con Michela De Paoli (oggi è disoccupata).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), dal coronavirus ai debiti della Pubblica amministrazione: rivedi la settima puntata del programma condotto da Gomez

next
Articolo Successivo

Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.55 sul Nove

next