Amadeus parla. Come da tradizione, a qualche giorno dall’inizio del Festival di Sanremo, il conduttore “rompe il silenzio”. Stavolta non si tratta solo di descrivere quello che accadrà durante la manifestazione canora ma anche di commentare le tante polemiche di questi giorni. Per esempio quella sul “passo indietro”, frase detta in conferenza stampa riguardo alla fidanzata di Valentino Rossi, Francesca Sofia Novello: “Si è innescata una strana combinazione in cui alcune persone hanno deciso di attaccarmi – ha detto Amadeus a Leggo – Ho già chiesto scusa a tutti e ribadisco che mi dispiace che qualcuno possa essersi sentito offeso da quelle parole… Mi ha ferito sentirmi accusare di sessismo da persone che mi conoscono bene e che sanno che non è vero. Mi è servito a capire chi sono gli amici e chi no“. Parole decise e forti, quelle del conduttore della 70esima edizione del Festival. E non poteva mancare un commento su Junior Cally, rapper accusato di istigare alla violenza sulle donne con un suo vecchio brano: “Ho sentito il pezzo e l’ho trovato molto forte. Come gli altri 23 d’altronde. Solo chi non si informa può dire che sia uno sconosciuto. È un brano di quelli che ascoltano i giovani. E trovo ingiusto criticarlo senza averlo ascoltato – ha spiegato Amadeus – E anche metterlo al bando per una canzone, che non conoscevo, di tre anni fa. Anche perché, diciamoci la verità, non è tenendo Junior Cally fuori da Sanremo che si tutelano i giovani: oggi i ragazzini, puoi controllarli quanto vuoi, ma ci mettono un secondo con internet ad ascoltare tutto quello che vogliono. Prima di criticare guardiamo e ascoltiamo. È come se si giudicasse un film solo dalla locandina”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

J-Ax parla di Fabrizio Corona in un brano. E l’ex re dei paparazzi s’infuria: “Tu non rappresenti niente”

next