Il salario minimo orario è un nostro obiettivo. Ci porterebbe in linea con gli altri Paesi europei. L’intento è porre una base per far sì che si rialzino tutti, perché non è abbassando gli stipendi che aiutiamo le imprese o facciamo uscire l’Italia dalla situazione economica in cui si trova”. A dirlo è la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, che a Milano ha partecipato alla presentazione del libro Basta salari da fame! di Marta e Simone Fana. E sono la ricercatrice e il sociologo del lavoro a spiegare come il salario minimo orario creerebbe le condizioni per una redistribuzione dei redditi a vantaggio di tutti i lavoratori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“20 minuti per stanza. Se non ce la fai? Ti tagliano lo stipendio”. Così lavorano le cameriere degli hotel: l’inchiesta di Sono le Venti sul Nove

next
Articolo Successivo

Protesta dei precari Anpal: “Vogliamo contratti stabili”. Il blitz alla serata con la ministra Catalfo

next