Il salario minimo orario è un nostro obiettivo. Ci porterebbe in linea con gli altri Paesi europei. L’intento è porre una base per far sì che si rialzino tutti, perché non è abbassando gli stipendi che aiutiamo le imprese o facciamo uscire l’Italia dalla situazione economica in cui si trova”. A dirlo è la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, che a Milano ha partecipato alla presentazione del libro Basta salari da fame! di Marta e Simone Fana. E sono la ricercatrice e il sociologo del lavoro a spiegare come il salario minimo orario creerebbe le condizioni per una redistribuzione dei redditi a vantaggio di tutti i lavoratori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“20 minuti per stanza. Se non ce la fai? Ti tagliano lo stipendio”. Così lavorano le cameriere degli hotel: l’inchiesta di Sono le Venti sul Nove

next
Articolo Successivo

Protesta dei precari Anpal: “Vogliamo contratti stabili”. Il blitz alla serata con la ministra Catalfo

next