È stato un miracolo l’auto era un cartoccio. Nessuno poteva credere che da quelle lamiere qualcuno potesse uscire vivo. Giancarlo è stato miracolato”. Così Marcello Cirillo, storico volto de “I Fatti Vostri”, descrive lo scenario che si è trovato davanti giovedì pomeriggio quando è stato tra i primi ad accorrere sul luogo dell’incidente in cui è rimasto coinvolto lo storico conduttore della trasmissione di Rai 2, Giancarlo Magalli. Come riferisce il quotidiano Il Tempo, Magalli, 72 anni, stava viaggiando a bordo della sua Smart sulla Cassia bis, prima dell’uscita per Formello, quando “improvvisamente la vettura ha perso il controllo e si è schiantata contro il guard rail. Coinvolto nell’incidente anche un Suv con una famiglia a bordo, per fortuna rimasta illesa”.

Lo schianto è stato violento, come dimostrano le immagini pubblicate su Facebook dallo stesso Magalli, che ha voluto rassicurare tutti sulle sue condizioni di salute: “Incidente brutto ma non si è fatto male nessuno, per fortuna”, ha scritto nel post. Il conduttore era uscito dall’abitatolo da solo e non aveva voluto che gli automobilisti accorsi per aiutarlo chiamassero l’ambulanza: indossava la cintura di sicurezza e l’air-bag ha attutito il terribile impatto che ha completamente distrutto la parte anteriore della sua auto. Anche sua figlia Michela su Instagram ha tranquillizzato i fan preoccupati per le condizioni di salute di suo padre: “Qui tutti bene… Uno spaghetto e passa la paura“, ha scritto la giovane blogger pubblicando due stories insieme al papà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

#DollyPartonChallenge, ecco cos’è e come funziona l’ultima social challenge che sta scatenando i vip: da Chiara Ferragni a Naomi Campbell

next
Articolo Successivo

C’è posta per te, Maria De Filippi rivela: “Pier Silvio Berlusconi se potesse lo manderebbe in onda tutto l’anno”

next