È stato un miracolo l’auto era un cartoccio. Nessuno poteva credere che da quelle lamiere qualcuno potesse uscire vivo. Giancarlo è stato miracolato”. Così Marcello Cirillo, storico volto de “I Fatti Vostri”, descrive lo scenario che si è trovato davanti giovedì pomeriggio quando è stato tra i primi ad accorrere sul luogo dell’incidente in cui è rimasto coinvolto lo storico conduttore della trasmissione di Rai 2, Giancarlo Magalli. Come riferisce il quotidiano Il Tempo, Magalli, 72 anni, stava viaggiando a bordo della sua Smart sulla Cassia bis, prima dell’uscita per Formello, quando “improvvisamente la vettura ha perso il controllo e si è schiantata contro il guard rail. Coinvolto nell’incidente anche un Suv con una famiglia a bordo, per fortuna rimasta illesa”.

Lo schianto è stato violento, come dimostrano le immagini pubblicate su Facebook dallo stesso Magalli, che ha voluto rassicurare tutti sulle sue condizioni di salute: “Incidente brutto ma non si è fatto male nessuno, per fortuna”, ha scritto nel post. Il conduttore era uscito dall’abitatolo da solo e non aveva voluto che gli automobilisti accorsi per aiutarlo chiamassero l’ambulanza: indossava la cintura di sicurezza e l’air-bag ha attutito il terribile impatto che ha completamente distrutto la parte anteriore della sua auto. Anche sua figlia Michela su Instagram ha tranquillizzato i fan preoccupati per le condizioni di salute di suo padre: “Qui tutti bene… Uno spaghetto e passa la paura“, ha scritto la giovane blogger pubblicando due stories insieme al papà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

#DollyPartonChallenge, ecco cos’è e come funziona l’ultima social challenge che sta scatenando i vip: da Chiara Ferragni a Naomi Campbell

next
Articolo Successivo

C’è posta per te, Maria De Filippi rivela: “Pier Silvio Berlusconi se potesse lo manderebbe in onda tutto l’anno”

next