Per perdere peso, rimettersi in forma e superare le proprie paure del giudizio altrui si corre sul tapis roulant, si fanno corsi in palestra o si seguono regimi alimentari. Un giovane studente inglese ha scoperto un nuovo metodo, sicuramente più divertente: dimagrire di 65 chili camminando per la città ad inseguire Pokemon. Tommy Monkhouse è uno studente dell’università di Greenwich che ama i videogiochi e ha l’hobby di fare il cosplayer, ovvero travestirsi da personaggio dei fumetti o dei film. Ma non ha sempre avuto una vita facile poiché, più volte, è stato vittima di bullismo e scherno a causa del suo peso. Un giorno un amico gli ha consigliato Pokemon Go, il videogioco con cui, grazie alla realtà aumentata geolocalizzata con il GPS, si inseguono e si cacciano i Pokemon all’aria aperta.

Tommy soffriva e faticava a riconoscersi nel proprio aspetto, così l’amico glielo ha suggerito come metodo per provare a dimagrire dal momento che il gioco porta a camminare in lungo in largo per trovare sempre più creature da conquistare. E così Tommy ha fatto: partendo da passeggiate di venti minuti è arrivato a stare sulle gambe anche per più di tre ore e le sue uscite alla ricerca di Pokemon sono diventate il suo allenamento quotidiano. Ci ha preso gusto e nel giro di un anno è riuscito a rimettersi in forma e a perdere oltre 60kg, recuperando una forma perfetta e anche la propria felicità. Tommy ha documentato su Instagram la propria avventura dichiarando con emozione che ora ha conquistato “una paura basata su qualcosa per cui molte persone sono giudicate, cioè andare senza maglietta!”.

Oltre ai Pokemon e alla serenità, Tommy Monkhouse ha conquistato anche il web con le sue parole: “E per questo quando ho iniziato a perdere peso, volevo promuovere la positività del corpo! Potrei non essere sicuro ancora ma ci arrivo! E questo è il primo passo, mostrando il supporto e la comunità che si sostengono a vicenda attraverso tutto questo dramma, dimostra che tutti possiamo affrontarlo insieme!”.

Visualizza questo post su Instagram

So I’m posting this in support of the #lewdment / @thelewdment Now I’m not a lewd cosplayer, I dont do any kind of lude content, but upon working on my weight loss, I conquered a fear based on something that a lot of people are judged for… going shirtless! Now for some, this might not be a big deal, but I got some judgement from some people as this is apparently seen as lude/crude! (Though for the most part I got support) This said, I wanna show my support because one day I’d love to do a shirtless Spidey pic and several other cosplays that require being shirtless! I’ve been bullied all my life, namely about my body! And because of that when I started losing weight, I wanted to promote body positivity! I may not be confident YET… but I’ll get there! And this is the first step, by showing support and the community supporting each other through all this drama, it shows that we can all go through this together! Now I have several friends who do lude cosplay content and my view is… SO WHAT! No ones being hurt! And the fact that people say “Lude cosplayers arent real cosplayers and shouldnt be seen as such” is the stupidest thing ever! Especially because they’d be the first to be showing the content to their friends or speaking crudely about it! A cosplayer is a cosplayer! It takes alot of bravery to take on “Lude Cosplay” and however people want to cosplay is THEIR CHOICE! NOT YOURS! I support any kind of cosplayer and in my opinion AS LONG AS you’re a good person, you’ll always have my support! Theres enough hate in this world so hating on cosplayers is fucking ridiculous! @tommocosplays @ld.cosplays @euphoric.cosplay @ultronerdcosplays @steviesnowcosplay @momofpitbullscosplay And anyone else effected by the hate and bullying please know you have my love and support and dont let ANYONE bring you down! Lets show how much love there truly is in the cosplay community and show that bullies cant bring us down and the importance of body positivity! #lewdment #bodypositivity #antibullying #cosplay #support #love

Un post condiviso da Tommy Linford Monkhouse (@tommy_linford_monkhouse) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, sparatoria a Seattle davanti a McDonald’s: morta 40enne, 7 feriti. Killer in fuga

next
Articolo Successivo

Tradisce la moglie in viaggio di nozze con la suocera: lei rimane incinta

next