Alcuni avevano ville e auto di lusso, uno di loro addirittura una Ferrari. Due sono detenuti per associazione di stampo mafioso, mentre un’intera famiglia è riconducibile a una nota cosca della ‘ndrangheta. Sono solo alcune delle 237 persone, residenti nel territorio di Locri, che percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti. Circa 870mila euro sono stati così sottratti alle casse pubbliche. I furbetti sono stati scoperti dai finanzieri nell’operazione “Salasso“, coordinata dalla procura locale.

Gli indagati avevano richiesto il reddito fra aprile e dicembre 2019. L’operazione è scaturita dall’analisi dei numerosi soggetti già denunciati per i fenomeni dei falsi braccianti agricoli e dei falsi rimborsi fiscali. Fra di loro, infatti, ne sono stati individuati diversi che avevano richiesto e ottenuto anche il sussidio. L’indagine si è concentrata sulla presenza di anomalie nelle dichiarazioni sostitutive uniche necessarie per ottenere il reddito: irregolarità sono state riscontrati su 237 istanze.

Nel corso delle ispezioni è stato accertato che molte persone non avevano indicato nelle dichiarazioni alcuni componenti del nucleo familiare, la presenza del coniuge non separato, la percezione di redditi e la proprietà di beni di particolare valore. Alcuni sono imprenditori con partita Iva attiva che, pur avendone l’obbligo, non avevano presentato alcuna dichiarazione dei redditi. Altri hanno entrate economiche, anche per più di 55mila euro, non indicate nel nucleo familiare. Ma soprattutto fra i 237 furbetti c’è chi è in galera perché mafioso o chi è legato a una nota famiglia di ‘ndrangheta.

Tutti i percettori indebiti del reddito sono stati deferiti all’autorità giudiziaria, insieme ad altri 73 sottoscrittori di domande irregolari. Sono responsabili di condotte che prevedono, rispettivamente, la reclusione da due a sei anni e da uno a tre anni. Inoltre, i 237 indagati sono stati segnalati all’Inps per l’avvio del procedimento di revoca dei benefici, con il conseguente recupero delle somme già elargite, e l’erogazione del sussidio è stata interrotta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, all’aeroporto di Fiumicino percorso sanitario con termoscanner per i passeggeri da Whuan

next