Ho tenuto il mio braccio attorno a mio fratello per tutta la vita, adesso non posso più farlo, siamo entità separate“. È lo sfogo fatto dal principe William che, come ha rivelato oggi il Sunday Times, si è confidato con un amico sul terremoto che sta scuotendo la Famiglia Reale, ovvero la volontà di Harry e Meghan di “emanciparsi” dal loro status di reali, prendendo le distanze dalla monarchia.

“Ne sono rattristato. – ha continuato William – Tutto ciò che possiamo fare, tutto ciò che posso fare è tentare di sostenerli e sperare che arrivi il giorno in cui saremo di nuovo tutti sullo stesso tono. Io voglio che siamo tutti nella stessa squadra”. Parole che esprimono tutto il suo rammarico e la sua tristezza per la situazione che si è venuta a creare con il fratello e che, sempre secondo quando riferisce il Times, sono state pronunciate dall’erede al trono alla vigilia del primo faccia a faccia sulla vicenda fra Harry, la regina Elisabetta II e il padre Carlo, atteso per domani nella residenza di Sandringham.

Dal discorso del principe Williams emerge quindi sempre più evidente la frattura che si è creata tra i due fratelli, diventata ufficiale quando Harry aveva ammesso in un’intervista a Itv che lui e William sono ormai “su strade diverse”, rivelando che “non ci vediamo più così spesso come prima, le cose succedono perché tra fratelli ci sono giorni buoni e giorni cattivi”. Parole forti, a cui William aveva subito replicato dicendosi “preoccupato” per le pressioni denunciate da Harry e Meghan nel documentario-intervista andato in onda domenica sera nel Regno Unito.

Il duca di Cambridge erede al trono aveva riconosciuto “la situazione di fragilità” dei duchi di Sussex e ha detto di sperare che, dopo quanto accaduto nei mesi scorsi, ora possano “stare bene”. Nella doppia intervista Harry e Meghan avevano accennato al senso d’isolamento provato in questi mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dakar, morto il pilota portoghese Paulo Gonçalves: l’incidente durante la settima tappa della gara, inutili i soccorsi

next
Articolo Successivo

Vasco Rossi, medaglia d’onore in memoria del padre internato dai nazisti. Anche il nome di battesimo del rocker è figlio di quell’esperienza

next