Oltre 10mila cammelli saranno uccisi da tiratori scelti a bordo di elicotteri perché non bevono troppa acqua potabile, rischiando di consumare tutte le riserve dell’Australia del sud devastata dalla siccità e dagli incendi che stanno distruggendo milioni di ettari di foreste. L’abbattimento inizia oggi, mercoledì 8 gennaio, e dovrebbe durare cinque giorni: il provvedimento è stato disposto dagli aborigeni della zona di Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara (APY), Marita Baker, dopo le proteste degli abitanti della zona, esasperati dal fatto che questi animali stanno facendo danni alla ricerca di qualsiasi fonte d’acqua disponibile, compresi i serbatoi dei condizionatori e i rubinetti nelle case. “Siamo bloccati in condizioni di caldo estremo, non stiamo bene, perché i cammelli vengono qui, buttano giù le recinzioni e cercano di prenderci l’acqua“, ha spiegato Baker al quotidiano The Australian.

Non solo, la popolazione lamenta anche il fatto che i cadaveri in putrefazione degli animali che per sete, fame o malattie muoiono “hanno contaminato importanti fonti d’acqua”, come ha spiegato un portavoce del Dipartimento per Ambiente e Acqua dell’Australia Meridionale ai media locali, avvalorando il piano di abbattimento di cammelli e dromedari. Senza questa misura, spiegano gli esperti, la loro popolazione attuale raddoppierebbe nel giro di 8-10 anni. Inoltre questi esemplari contribuirebbero con le loro flatulenze al riscaldamento globale, a causa delle loro elevate emissioni di gas serra, equivalente a una tonnellata di anidride carbonica all’anno.

La Somalia ha chiesto alla popolazione australiana di risparmiare i cammelli: il presidente della “Somaliland Camel Herders Association”, Mustafe Cali Deeq, vorrebbe che gli animali tornassero da dove originariamente provengono, “ricollocandoli” in Africa. Per i somali infatti sono animali molto preziosi, veri e propri status symbol.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attacco Iran a basi Usa in Iraq, le compagnie aeree sospendono voli su Teheran e Baghdad

next
Articolo Successivo

Finlandia, settimana lavorativa di quattro giorni? Il governo smentisce: “Non è nel programma della premier Marin”

next