Cinque brevi video di poco più di un minuto che raccontano cinque situazioni di razzismo quotidiano. E un invito: fare attenzione ai pensieri e alle parole. È la nuova campagna di comunicazione online Words are stones, cioè letteralmente “Le parole sono pietre”, che parte l’8 gennaio, promossa dall’Associazione di promozione sociale, Lunaria, in collaborazione con Antigone (Grecia), SOS Racisme (Spagna), Grenzelos (Autria), Adice (Francia) e Kisa (Cipro). L’idea è quella di sensibilizzare sull’hate speech, cioè il linguaggio d’odio ormai legittimato sia nel dibattito politico che pubblico. Il progetto, si legge nel comunicato stampa, ha infatti mosso i suoi primi passi, a partire dall’analisi dei discorsi offensivi o minacciosi pronunciati o diffusi pubblicamente attraverso la rete, nei comizi elettorali, nelle manifestazioni pubbliche, nei materiali di propaganda (manifesti, volantini, striscioni, immagini online) in 6 paesi a cui appartengono i partner del progetto. La campagna online ha anche l’obiettivo di contrastare l’odio contro immigrati, rifugiati e minoranze, spesso principali destinatari dei discorsi ostili. I protagonisti delle clip sono due giovani, ripresi nella loro quotidianità, dalla partita di calcio, al bar, fino al pronto soccorso. La narrazione, però, è intrisa di xenofobia e razzismo.

I video sono stati realizzati da Stefano Argentero (regia e animazione) Juri Fantigrossi (fotografia e montaggio), Fabio Fortunato (tecnico di registrazione) e Riccardo Pieretti (doppiaggio) con la tecnica dell’animazione di plastilina in stop-motion.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Egitto, ancora prorogata la detenzione dell’avvocata Mahienour al-Masri

next
Articolo Successivo

Latina, donna segregata in casa costretta a subire violenza: arrestati il marito e il cognato

next