“Hai mai assistito a episodi di razzismo? Ne sei mai stato vittima?”. Sono queste le domande che gli operatori dell’Unhcr, l’Alto commissariato Onu per i rifugiati, ha posto ai minori stranieri non accompagnati che si trovano nei centri di accoglienza di Roma, in un percorso realizzato insieme all’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza. Il progetto ha coinvolto 16 ragazzi, ai quali è stato chiesto di parlare della percezione di sé e delle esperienze di razzismo e intolleranza vissute in Italia, e ha lo scopo di facilitare e promuovere l’effettiva protezione dei minori stranieri non accompagnati. Circa il 70% dei minori avverte un clima di intolleranza e ostilità verso gli stranieri, mentre il 30% ha raccontato di esser stato testimone di episodi diretti o indiretti di razzismo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Femminicidi, nel 2018 uccise 142 donne. In aumento le denunce per violenza sessuale, stalking e maltrattamenti in famiglia

prev
Articolo Successivo

“Ti ricordi quando volevi cambiare il mondo?”, l’ironico video dei The Jackal per chi non vuole arrendersi: lo spot per ActionAid

next