Avevano risposto a un annuncio su Craiglist e pensavano di essere reclutate per lavorare come modelle: e invece una ventina di ragazze erano diventate le protagoniste di video porno, finiti online a loro insaputa. Un giudice di San Diego, negli Stati Uniti, ha condannato i gestori del sito pornografico “amatoriale” GirlsDoPorn a risarcire 22 donne con 12,7 milioni di dollari, più di 11 milioni e mezzo di euro.

Dopo aver risposto all’annuncio, le ragazze, all’epoca tra i 18 e i 22 anni, venivano contattate da altre donne che proponevano loro di fare video porno destinati a collezionisti privati, in Australia e in Nuova Zelanda, in formato DVD. Alle ragazze veniva promesso che i filmati non sarebbero mai finiti online, ma in realtà sono stati caricati sul sito di porno amatoriale GirlsDoPorn. Alcune clip sono finite anche in grandi siti, come PornHub e YouPorn, dove raccoglievano centinaia di migliaia di visualizzazioni.

Il sito GirlsDoPorn, fondato nel 2006 da Michael Pratt e Matthew Wolfe, promette che le ragazze che compaiono sul sito non sono attrici professioniste, ma ragazze che hanno girato video amatoriali. In ogni video c’è una donna diversa, perciò i gestori avevano bisogno di reclutare costantemente nuove attrici. Per farlo, secondo la sentenza, hanno fatto pressioni alle ragazze reclutate su Craiglist, usando «ingannevole, coercitivo e di minaccia». Prima di girare, alle ragazze veniva offerto alcool e cannabis.

I filmati in questione sono stati visti complessivamente più di un miliardo di volte, spesso le protagoniste sono state riconosciute e prese di mira per quelle immagini: alcune hanno perso il lavoro e sono state allontanate da familiari, amici e fidanzati. Molte di loro hanno cominciato a soffrire di disturbi d’ansia, manifestando in alcuni casi tendenze suicide. Il giudice ha quindi condannato i due fondatori del sito (più l’attore Ruben Garcia) a versare un risarcimento di 12,7 milioni dollari alle 22 donne, rimaste anonime, e a rimuovere dalla piattaforma tutti i contenuti che le riguardavano. Ogni vittima riceverà tra i 300mila e i 500mila dollari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Royal Family, la foto della Regina Elisabetta con gli eredi al trono: ecco il futuro della Corona

next
Articolo Successivo

Ficarra e Picone: “Mattarella ci ha telefonato per rispondere al nostro tweet sul Palermo Calcio in serie D”

next