Una foto in bianco e nero con il papà che suona la chitarra, seduti vicini sul divano. Così Sara Daniele, figlia del cantautore napoletano, ha scelto di ricordare il padre nel quinto anniversario della sua scomparsa: “Ti penso tutti i giorni, ma oggi un po’ di più” ha scritto in un post su Instagram. “Il dolore piano piano si sta trasformando in forza, con la consapevolezza che ogni giorno che passa assomiglio sempre di più a te”.

Il cantautore napoletano se ne è andato la notte del 4 gennaio del 2015, per un infarto, a sessant’anni. L’ondata di commozione suscitata era stata enorme: centomila persone si erano riunite in Piazza del Plebiscito la sera del 6 gennaio, cantando le sue canzoni come ultimo omaggio corale. I funerali si sono svolti prima a Roma e poi a Napoli, richiamando una folla di migliaia di persone. Sara, 23 anni, spesso condivide foto del papà, come il 14 dicembre, quando, sotto uno scatto di lei neonata, ha scritto: “Vegli su di me dal 1996”. Pino Daniele ha avuto cinque figli da due matrimoni: Sara, Alessandro, Cristina, Sofia e Francesco.

Anche l’ex moglie di Pino Daniele, Fabiola Sciabbarrasi, su Instagram ha pubblicato una foto dove è abbracciata al cantautore, con la didascalia: “Tutto passa ma niente va via del tutto…”. E poi una citazione di Gabriel Garcia Marquez: “Non piangere perché è finito, sorridi perché è successo”. La Sciabbarrasi, madre di Sara, ha scritto un libro a quattro mani con Mapi Danna in cui racconta la sua storia d’amore con il cantautore napoletano, dal titolo: “Resta l’amore intorno – La mia vita con Pino”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Ferragni pubblica una foto di account falsi: “Sono della mamma di Fedez”. Ma i followers sono scettici: “Che gaffe”

next
Articolo Successivo

Royal Family, la foto della Regina Elisabetta con gli eredi al trono: ecco il futuro della Corona

next