È morto a causa di un malore improvviso lo chef bresciano Vittorio Fusari, 66 anni. Era ricoverato all’ospedale di Chiari a causa di un principio di infarto che l’aveva colpito una ventina di giorni fa ma le sue condizioni di salute si sono aggravate improvvisamente il 1 di gennaio. Lascia la moglie e un figlio. La sua morte ha scosso tutto il mondo della grande cucina, tra cui anche Igino Massari, pasticcere e volto noto della tv, che su Instagram ha pubblicato una foto insieme a Fusari, dedicandogli un commosso messaggio d’addio: “I miei pensieri corrono ai momenti di felicità condivisa. Ciao Amico Vittorio”.

Nel 1981 Vittorio Fusari aveva fondato l’osteria Il Volto di Iseo, ma in carriera era stato chef anche nel rinomato ristorante Balzer di Bergamo, e al Pont de Ferr a Milano. Sul suo profilo di Identità golose descriveva così il suo “lavoro”: “Il mio lavoro è anche al di fuori delle cucine: tramandare la sapienza millenaria della gastronomia italiana è la mia vita. Perché il buon mangiare avvicina le persone, aiuta a trovare punti di vista comuni, aiuta ad essere felici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kevin Spacey, archiviata un’altra accusa di molestie. La presunta vittima era morta 4 mesi fa

next
Articolo Successivo

Francesco Totti e Pierfrancesco Favino passano il Capodanno alle Maldive e si tuffano in piscina abbracciati

next