Marco Masini, il tenore pop vincitore di Amici Alberto Urso e un’esplosiva Elettra Lamborghini. Poi al Festival ci saranno Achille Lauro, Anastasio il vincitore di X Factor, la coppia Bugo e Morgan, Diodato, Elodie, Enrico Nigiotti, Francesco Gabbani, Giordana Angi da Amici, Irene Grandi, Le Vibrazioni, Levante, il rapper Junior Cally, Michele Zarrillo, Paolo Jannacci, Piero Pelù alla sua prima volta, i Pinguini Tattici Nucleari, il rapper Rancore, Raphael Gualazzi e Riki, altro ex di Amici”. A sorpresa, è stato lo stesso Amadeus a rivelare in un’intervista a Repubblica i cantanti in gara al prossimo Festival di Sanremo, la 70esima nella storia del più importante concorso musicale italiano. Gli artisti saranno divisi tra 22 “Big” e 8 “Nuove proposte”, ripristinando le due sezioni che Claudio Baglioni nelle due sue edizioni del Festival aveva invece accorpato. Amadeus ha spiegato di aver scelto i cantanti badando “soltanto alle canzoni, che fossero dei pezzi radiofonici, delle potenziali hit. Ho pensato a un Sanremo attuale, a brani da scaricare domani su Spotify, non il classico pezzo soft sanremese: sono canzoni dolci e romantiche ma hanno ritmi scatenati”.

Non solo, il conduttore si è sbilanciato anche sui nomi degli ospiti e di chi lo affiancherà sul palco dell’Ariston: “La prima sera ho voluto il rapper Salmo, un personaggio incredibile, molto forte, non deluderà. Vorrei affiancare la modernità del rap a personaggi che hanno fatto la storia del Festival. Madonna? In quei giorni dovrebbe
essere impegnata con il tour. Mi piacerebbe anche Lady Gaga“. E ha confermato anche la presenza “fissa” di Tiziano Ferro: “Questa è la mia idea, lui ha accettato con entusiasmo. Ora si tratta di definire i contratti e io non ho il compito di firmarli, per questo c’è la Rai ma devo dire che con l’ad Salini e la direttrice di Rai 1 De Santis stiamo procedendo bene. Con la Rai è tutto un grande lavoro di squadra”.

Per quando riguarda invece le discusse “dieci donne” che vorrebbe al suo fianco sul palco, “non so se saranno dieci, di meno o di più, se due o anche tre per sera, o magari solo una – ha spiegato Amadeus -. Di sicuro non ci saranno le due co-conduttrici fisse come in passato. Saranno donne con storie diverse di ieri e di oggi”. E tra queste potrebbe esserci Rula Jebreal, la giornalista palestinese che ha scatenato sui social le ire dei sovranisti: “L’ho incontrata e le ho chiesto di esserci. Non sarà un intervento politico, chi viene a Sanremo non farà politica. Non mi interessa, io ho le mie idee ma le tengo per me”.

Insomma, questo Festival di Sanremo 2020 sarà all’insegna del “freestyle”, come ha preannunciato lo stesso Amadeus: “Non sai mai cosa potrà accadere: per questo ho voluto il mio amico Fiorello, a cui darò il doppione delle chiavi dell’Ariston, lui è il Re dell’imprevedibilità. Non voglio sapere nulla, potrà entrare e uscire quando vuole. È allo stesso modo imprevedibile anche Roberto Benigni, ospite in una delle serate”. Non ci resta che attendere ancora poco più di un mese per questo Festival, che sulla carta si annuncia come il più scoppiettante degli ultimi anni.

I “Big”
Marco Masini
Alberto Urso
Elettra Lamborghini
Achille Lauro
Anastasio
Bugo e Morgan
Diodato
Elodie
Enrico Nigiotti
Francesco Gabbani
Giordana Angi
Irene Grandi
Le Vibrazioni
Levante
Junior Cally
Michele Zarrillo
Paolo Jannacci
Piero Pelù
Pinguini Tattici Nucleari
Rancore
Raphael Gualazzi
Riki

Le “Nuove Proposte”
Eugenio in Via Di Gioia
Fadi
Fasma
Gabriella Martinelli e Lula
Leo Gassmann
Marco Sentieri
Matteo Faustini
Tecla Insolia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Capodanno, veglione sotto le stelle: Luna, Venere e Sirio nell’ultimo spettacolo mozzafiato del decennio

next
Articolo Successivo

Capodanno, ad Auckland in Nuova Zelanda è già arrivato il 2020: i festeggiamenti in giro per il mondo

next