Otto marinai imbarcati a bordo della petroliera Happy Lady sono stati sequestrati nel porto di Limbe, in Camerun. Il cargo, battente bandiera greca, è stato attaccato da uomini armati che hanno assaltato l’imbarcazione sulla quale si trovava l’equipaggio composto da 28 persone.

Nel corso del blitz, i pirati hanno anche ferito una nona persona, colpita a una caviglia ed è stato portato in un ospedale locale. Le 8 persone sotto sequestro sono 5 greci, due filippini e un ucraino. Tra loro c’è anche il comandante della nave.

“Il ministro greco della Marina mercantile, Yannis Plakiotakis, è stato informato e segue la vicenda da vicino con il ministro degli Esteri greco e la società che gestisce la petroliera”, si legge in un comunicato del ministero. L’armatore della Happy Lady è la società Eastern Mediterranean Athens, che ha sede ad Atene, ha reso noto la polizia portuaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ventennio di Putin /2 – L’uomo forte che sfida l’Occidente e in patria non ammette oppositori. Così in Russia torna la tentazione dell’impero

next
Articolo Successivo

Spagna, tutto pronto per il nuovo governo Psoe-Podemos: determinante l’accordo quasi raggiunto con Esquerra Republicana

next