Wanda Nara torna protagonista durante la trasmissione televisiva Tiki Taka: la showgirl argentina, moglie e manager del calciatore Mauro Icardi è andata su tutte le furie per la questione Lukaku, polemica scoppiata in casa Inter ad inizio stagione, dopo l’addio del centravanti argentino e l’arrivo in nerazzurro dell’ex attaccante del Manchester United.

Dopo la partita contro il Genoa, Giacomo “Ciccio” Valenti, noto tifoso dell’Inter, ha esaltato la performance di Lukaku sul campo: “Si è visto sabato a San Siro un attaccante in grado di giocare per la squadra. Penso che abbiamo trovato un vero leader, finalmente abbiamo un numero nove che è un leader, un punto di riferimento”. Al che, Wanda Nara ha risposto piccata: “Sarebbe bello anche vederlo nelle partite importanti. Nella Champions non ha segnato. Vedrà i quarti in tv. Quando Pierluigi Pardo le ha ricordato che, da tifosa , dovrebbe comunque gioire, Wanda ha replicato: “Tifo ancora Inter, ma non sopporto la mancanza di rispetto. Si parla dell’ex nove, quello mi tocca. Io ho visto un nove che ha fatto 150 gol”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonio Cassano cacciato da Tiki Taka: l’annuncio in diretta di Pierluigi Pardo. Ecco cosa è successo

next
Articolo Successivo

Angelo Sanzio, il Ken umano finisce in un cassonetto della plastica: lo scherzo de “Le Iene”

next