Botta e risposta su Twiiter fra Greta Thunberg, di ritorno a casa dopo la conferenza sul clima Cop25, e le ferrovie tedesche Deutsche Bahn (DB). Il post in cui l’attivista contro il cambiamento climatico, che non viaggia in aereo, ha pubblicato una foto seduta a terra in treno, circondata da valigie non è stato gradito dalla società. “Viaggiando su treni sovraffollati in Germania. E finalmente sono sulla strada verso casa”, era la frase che accompagnava la foto della ragazzina che su Twitter ha circa 3,6 milioni di follower.

Deutsche Bahn ha replicato oggi: “Cara Greta, grazie per il tuo sostegno agli impiegati delle ferrovie nella nostra lotta contro il cambiamento climatico. Siamo contenti che sabato hai viaggiato con noi sul treno ICE 174″ ad alta velocità, ha twittato la società, aggiungendo però che “sarebbe stato più gentile se avessi anche citato il modo amichevole e competente in cui sei stata trattata dal nostro personale in prima classe“.

La giovane ha nuovamente risposto alle ferrovie tedesche, spiegando che il suo treno da Basilea era stato annullato e che i suoi amici e lei avevano dovuto sedersi a terra su due treni prima di trovare un posto in prima classe a partire da Goettingen: “Questo naturalmente non è un problema e non ho mai detto che lo fosse”, ha precisato Greta Thunberg, aggiungendo che “i treni sovraffollati sono un ottimo segno perché significa che la richiesta di viaggi in treno è alta!”. Deutsche Bahn non ha smentito il fatto che la militante ecologista non abbia trovato posto prima di Francoforte, cioè a metà strada del suo viaggio tra Basilea e Amburgo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, espulsi segretamente due diplomatici cinesi. “Entrati in una base militare”

next
Articolo Successivo

Libia, Di Maio andrà a Tripoli per rafforzare i rapporti con al-Sarraj. Ma la Turchia offre appoggio militare in caso di offensiva di Haftar

next