“Bisogna dare i premi Nobel a chi li merita veramente, non a una cittadina molto più semplice come sono io. Lasciamo i Nobel ai Nobel”. Così la senatrice a vita Liliana Segre ha commentato la proposta di candidarla al Nobel per la Pace avanzata dal sindaco Pd di Pesaro, Matteo Ricci, e sposata da diversi esponenti politici e istituzionali tra cui il segretario dei dem Nicola Zingaretti e i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Casellati.

“Gli odiatori, i critici, li ignoro. Scelgo sempre di prendere la parte positiva, quella che in ognuno di noi c’è, quella che prendo sempre ad esempio”, ha spiegato la senatrice a vita, sopravvissuta ai campi di sterminio. “Quando parlo con gli studenti non parlo mai di cose negative, parlo sempre di forza, ottimismo, speranza di andare avanti – ha aggiunto – E se parlo così da nonna vuol dire che lo sento, perché sono una nonna”.

“L’Italia – aveva spiegato il primo cittadino di Pesaro, tra gli organizzatori della marcia dei 600 sindaci con la Segre a Milano – attraverso i sindaci si è ritrovata unita attorno a Liliana Segre e alla sua battaglia culturale e di futuro”. La senatrice a vita, aveva aggiunto Ricci, è diventata “un simbolo, una rappresentazione autorevole della Repubblica e della Costituzione. La piazza di Milano è andata al di là delle aspettative sia per le presenze, che per il senso di comunità che ha trasmesso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, tromba d’aria scoperchia palazzetto a Lauria: le immagini dell’intervento dei Vigili del fuoco

next
Articolo Successivo

Usa, sospeso dentista che opera su due ruote. Così è facile ‘lasciare a bocca aperta’

next