“A Milano un giornalista mi ha chiesto che cosa pensassi di questo nuovo sito… Tik Tok, Tik Tak, Tip Tup. Noi invece avevamo il vecchio sito ‘Tuppe tuppe, marescià’“. Così con una battuta il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel suo consueto appuntamento settimanale su Lira Tv, conclude una lunga invettiva contro la comunicazione dei politici sui social, menzionando il titolo di una celebre canzone partenopea degli anni ’50.

Nel condannare “la palude burocratica” in cui è impantanata da troppi anni l’Italia, e l’aborto di ogni “slancio vitale” dei giovani e di chi ha propositi costruttivi, il politico dem pronuncia un duro atto d’accusa contro l’uso improprio dei social network: “C’è un clima generale di tensione e di aggressività, soprattutto nel linguaggio. Ormai la vita pubblica del nostro Paese non è fatta di dibattito sui problemi concreti, ma di tweet, di propaganda, di sondaggi falsi, di notizie fake messe sulla rete da centinaia di persone che lavorano in maniera scientifica a questo. Il meccanismo per conquistare il consenso oggi non è cambiare la realtà e mostrare ai cittadini i cambiamenti tangibili, ma inondare di notizie false. Il cambiamento è tutto virtuale”.

E cita le Sardine: “Grazie a Dio, pare che questo meccanismo di tensione, di propaganda, di aggressività, di falsificazione cominci a stancare i cittadini. Io poi sono tra quelli che si domandano quando lavorano questi leader nazionali. Ma questi che inondano la rete di 20-30 tweet al giorno dove trovano il tempo per lavorare? È gente che dalla mattina alla sera produce tweet sulle scemenze. E nel frattempo c’è una intera generazione che guarda al futuro con preoccupazione e non sa se potrà continuare a vivere in Italia o dovrà andarsene all’estero per avere un lavoro e farsi una famiglia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Patto per la Salute, Conte: “Obiettivo dieci miliardi di investimenti da qui al 2023. Lotta a disuguaglianze, impegno senza precedenti”

next
Articolo Successivo

Salvini ci ripensa, vuole le larghe intese a tempo: “Comitato di salvezza nazionale da Leu a Forza Italia su 5 priorità. Poi subito al voto”

next