“Molti ci cascano per pigrizia, per superficialità, per ignoranza, per la tendenza a cercare nel web la conferma delle proprie opinioni”, spiegano alcuni. Ma le ‘fake news’ non sono una prerogativa del web: “Il problema parte dai media tradizionali, i social però lo amplificano perché hanno un potere di diffusione fuori controllo”. Abbiamo domandato a una serie di giovani interlocutori, perlopiù molto attivi su internet e poco interessati a quotidiani e tg, i criteri con i quali si orientano nel mondo dell’informazione nell’era dell’iperconnessione. “Stare attenti alle fonti, confrontare le notizie, uscire dalla bolla dei propri social, non limitarsi ai titoli ad effetto, selezionare autori e testate affidabili, allenare la mente al dubbio, allo spirito critico”: sono queste alcune delle risposte più significative. E voi come la pensate? Qual è il vostro modo per difendervi dalle ‘fake news’?
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Andrea Rocchelli è morto per difendere la civiltà umana: il rischio più nobile

prev
Articolo Successivo

Libero, le grandi inchieste: le tette di Carola Rackete

next