Matteo Salvini l’ha presa come simbolo di quello che secondo lui è il governo delle tasse, Italia Viva ci ha puntellato la sua battaglia interna alla maggioranza. Il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini l’ha indicata come un problema per le aziende del suo territorio. Alla fine M5s e Pd hanno resistito e la plastic tax è rimasta, sia pure ridimensionata. E – a dispetto di quello che pensano i renziani – gli italiani sembrano apprezzare, anche se con una maggioranza non oceanica. Secondo un sondaggio Swg per il TgLa7 il 45 per cento risponde che è favorevole alla tassa verde che dovrebbe cambiare le abitudini di aziende e consumatori. Il 39 per cento risponde che invece non dovrebbe essere introdotta. C’è un 16 per cento che dice di non saper rispondere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, Ispra: “Aumenta raccolta differenziata. Ma la plastica da imballaggi non raggiunge gli obiettivi di riciclo previsti”

next
Articolo Successivo

Clima, Copenaghen è un modello green nel mondo. Ma sui rifiuti ha qualche problema

next