Matteo Salvini l’ha presa come simbolo di quello che secondo lui è il governo delle tasse, Italia Viva ci ha puntellato la sua battaglia interna alla maggioranza. Il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini l’ha indicata come un problema per le aziende del suo territorio. Alla fine M5s e Pd hanno resistito e la plastic tax è rimasta, sia pure ridimensionata. E – a dispetto di quello che pensano i renziani – gli italiani sembrano apprezzare, anche se con una maggioranza non oceanica. Secondo un sondaggio Swg per il TgLa7 il 45 per cento risponde che è favorevole alla tassa verde che dovrebbe cambiare le abitudini di aziende e consumatori. Il 39 per cento risponde che invece non dovrebbe essere introdotta. C’è un 16 per cento che dice di non saper rispondere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiuti, Ispra: “Aumenta raccolta differenziata. Ma la plastica da imballaggi non raggiunge gli obiettivi di riciclo previsti”

next
Articolo Successivo

Clima, Copenaghen è un modello green nel mondo. Ma sui rifiuti ha qualche problema

next