Venticinque minuti con la testa incastrata tra le sbarre. Uno squalo, nella Riserva di Guadalupe, ha attaccato due sub che si erano calati con la gabbia, in profondità, proprio per ammirare i grossi pesci predatori. Purtroppo, però, come mostrano le immagini (di cui abbiamo scelto di togliere le parti più cruenti), si è infilato tra le sbarre, senza riuscire più a uscire. La denuncia è stata fatta da un attivista messicano, Arturo Islas Allende, che ha sottolineato come le gabbie dovrebbero garantire la sicurezza di subacquei e squali, ma ciò non avverrebbe, come il mancato controllo delle autorità messicane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Muratore vince 105 milioni di sterline alla lotteria ma non vuole saperne di lasciare il lavoro: “Ho preso degli impegni che voglio mantenere”

next
Articolo Successivo

La rivincita della donna dello spot “sessista”: lascia il marito e va al bar a bere con le amiche. E lo spot incassa milioni di clic

next