“Il mio voto di domani? Mi attengo al programma del M5s. Al voto abbiamo preso il 33% su questo. Se diciamo che smantelliamo la troika, questo si deve fare, non migliorarla un pochino. Resto fortemente euroscettico, non mi devono dare una nuova verginità europeista“. A dirlo, dopo la riunione col capo politico del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio, il senatore Gianluigi Paragone, in riferimento al voto di domani a Palazzo Madama sulla risoluzione della maggioranza al fondo salva-Stati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sardine, Casapound: ‘Ci invitano in piazza? Ok, ma non cantiamo Bella Ciao’. I promotori di Bologna: ‘Sempre antifascisti, mai aperture’

next
Articolo Successivo

Governo, Toninelli: “Programma a gennaio? Deve avvicinarsi a un contratto che vincola le parti: con la Lega dava stabilità”

next