Da Santiago del Cile è arrivato fino a Sidney, passando per il Messico, Berlino, Parigi, Bruxelles e persino per la Turchia. È l’inno di protesta lanciato dal collettivo cileno Las Tesis di Oviedo. La canzone durante il fine settimana è stata urlata da centinaia di donne, come uno slogan. Tutte sono unite da una stessa convinzione, spiegata anche nel brano: “Non è stata colpa mia, né di dove ero, né come ero vestita. Lo stupratore sei tu”.

Il brano è accompagnato da una coreografia che in pochi giorni ha fatto il giro dei social, arrivando a invadere le bacheche di tutto il mondo. “Il patriarcato è un giudice che ci giudica solo per essere nate, e la nostra punizione è la violenza che vediamo ora. Vuol dire femminicidio, impunità per il nostro assassino, vuol dire scomparire, vuol dire stupro”, cantano all’unisono centinaia di donne.

Video Twitter

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale disabilità, Conte: “Da gennaio istituiremo ufficio permanente a Palazzo Chigi”

next
Articolo Successivo

Disabili, Istat: “Oltre 600mila persone con gravi limitazioni vivono isolate”. Mattarella: “Energie e risorse di cui il Paese si priva”

next