“Queste parole, queste immagini, queste lastre raccontano un orrore quotidiano nascosto nelle case e nelle mura domestiche. Svelano un mondo a volte taciuto, a volte nascosto, mimetizzato. A volte non è solo un occhio nero ma un osso spezzato”. A parlare è Maria Grazia Vantadori, chirurga e referente CASD presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale San Carlo di Milano che racconta ‘L’invisibilità non è un superpotere’, la mostra che l’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano, insieme a Fondazione Pangea Onlus, ha inaugurato lo scorso 21 novembre in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Durante la mostra, insieme alle immagini realizzate dalla fotografa Marzia Bianchi, sono state infatti esposte, per la prima volta e in totale anonimato, le radiografie effettuate ad alcune delle donne arrivate nei Pronto Soccorso e che hanno dichiarato di aver subito violenze. Oggi una al giorno.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Anna dei Miracoli’, lo spettacolo sulla storia di Hellen Keller: “Così una sordocieca imparò a leggere, scrivere ed ebbe una vita autonoma”

next
Articolo Successivo

Siamo Coop promuove le idee di italiani e rifugiati. E li trasforma in imprenditori sociali

next