Chiunque produca o, semplicemente, diffonda notizie pubblicate su testate o siti inseriti nella lista nera di Mosca può essere considerato un “agente straniero” dalle autorità russe. È quanto stabilisce la legge firmata dal presidente russo, Vladimir Putin, che in questo modo rischia di colpire anche blogger e giornalisti che, da oggi, rischiano di finire sulla lista degli uomini di Mosca.

Il provvedimento aveva ottenuto l’apporvazione della Duma, la Camera bassa russa, già il 21 novembre e del Senato il 25, suscitando le proteste di Amnesty International e Reporter Senza Frontiere che l’avevano definita “un ulteriore passo verso la limitazione dei media liberi e indipendenti” in Russia. Per “agente straniero” il governo intende tutti coloro che sono collegati anche a organizzazioni che ricevono fondi dall’estero e sono impegnate in non meglio precisate “attività politiche”. Dal novembre del 2017, dopo che la tv finanziata dal Cremlino, Russia Today, era stata a sua volta definita “agente straniero” negli Usa, questa formula in Russia è diventata applicabile anche ai media. Le organizzazioni identificate come “agente straniero”, per legge, devono presentarsi come tali nei materiali che producono.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina, Usa avverte i Paesi Ue: “Non date il controllo di infrastrutture e 5G a Huawei o Zte”. La replica: “Diffamazione”

prev
Articolo Successivo

Nato, Macron attacca di nuovo Erdoğan: “Turchia a volte lavora con gli alleati dell’Isis”. Ma Trump difende il presidente turco

next