Chiunque produca o, semplicemente, diffonda notizie pubblicate su testate o siti inseriti nella lista nera di Mosca può essere considerato un “agente straniero” dalle autorità russe. È quanto stabilisce la legge firmata dal presidente russo, Vladimir Putin, che in questo modo rischia di colpire anche blogger e giornalisti che, da oggi, rischiano di finire sulla lista degli uomini di Mosca.

Il provvedimento aveva ottenuto l’apporvazione della Duma, la Camera bassa russa, già il 21 novembre e del Senato il 25, suscitando le proteste di Amnesty International e Reporter Senza Frontiere che l’avevano definita “un ulteriore passo verso la limitazione dei media liberi e indipendenti” in Russia. Per “agente straniero” il governo intende tutti coloro che sono collegati anche a organizzazioni che ricevono fondi dall’estero e sono impegnate in non meglio precisate “attività politiche”. Dal novembre del 2017, dopo che la tv finanziata dal Cremlino, Russia Today, era stata a sua volta definita “agente straniero” negli Usa, questa formula in Russia è diventata applicabile anche ai media. Le organizzazioni identificate come “agente straniero”, per legge, devono presentarsi come tali nei materiali che producono.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, Usa avverte i Paesi Ue: “Non date il controllo di infrastrutture e 5G a Huawei o Zte”. La replica: “Diffamazione”

next
Articolo Successivo

Nato, Macron attacca di nuovo Erdoğan: “Turchia a volte lavora con gli alleati dell’Isis”. Ma Trump difende il presidente turco

next