“Credevamo nella reindustrializzazione ma poi ci hanno messo a pulire e verniciare la fabbrica. Vogliamo solo il nostro posto di lavoro”. Daniele Simoni è uno dei 409 operai della ex Embraco di Riva di Chieri che rischiano di perdere il lavoro. Questa mattina si è legato ai cancelli di quella che per 27 anni è stata la sua seconda casa. Da undici mesi aspetta insieme ai suoi colleghi l’arrivo delle linee di produzione della nuova proprietà Ventures, ma a oggi la fabbrica è vuota. Lo hanno potuto vedere anche i sindaci del territorio guidati dalla prima cittadina di Torino, Chiara Appendino, che questa mattina ha incontrato i lavoratori ed è entrata nello stabilimento: “Ci sono aziende private che hanno ottenuto delle risorse per far ripartire gli impianti – racconta Appendino – ma oggi qui non c’è niente e questo vuol dire prendere in giro lo Stato e i lavoratori”.

Tra questi ultimi il sentimento prevalente è quello della rabbia verso i governi che si sono succeduti e l’incertezza sul futuro. Gianni e Tiziana si sono conosciuti in fabbrica e con i due stipendi hanno tirato su una famiglia. Non hanno fiducia su quello che accadrà, ma continuano a lottare denunciando le “pressioni ricevute dall’azienda” dopo che si sono esposti pubblicamente denunciando la loro condizione. Le trattative intanto proseguono e i sindacati chiedono un tavolo al Mise con tutti i rappresentanti istituzionali e dell’azienda: “Ci dicevano che la reindustrializzazione sarebbe stata un esempio positivo di risposta alle delocalizzazioni – ricorda con amarezza Ugo Bolognesi della Fiom Cgil – purtroppo ci siamo trasformati nell’esatto opposto: perché qui si è rivelata un pacco”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Belluno, i cinesi di Wanbao vogliono chiudere: a casa 290 dipendenti. Effetto collaterale: rischia di bloccarsi anche la vicina Electrolux

next
Articolo Successivo

Ex Embraco, protesta dei lavoratori davanti alla fabbrica. Appendino: “Dentro non c’è nulla, l’industrializzazione non è partita”

next